Cortana Siri Google Now
Assistenti vocali, meglio non usarli in casi di emergenza

Siri e Cortana, come anche gli altri assistenti personali digitali, non riconoscerebbero le richieste di aiuto. Il loro uso, oggi, è diventato ormai una solida abitudine per alcune persone; e la maggior parte delle volte per trovare le risposte quasi istantaneamente. Tuttavia, un nuovo studio osserva che, in casi emergenza, questi assistenti vocali potrebbero non essere la soluzione migliore.

I ricercatori della Stanford University hanno esaminato quattro assistenti digitali: Siri, Cortana, GoogleNow e S Voice. Ed hanno avuto modo di constatare che molti di questi hanno risposto in modo errato alle richieste di aiuto dell’utente in caso di emergenza di salute o di sicurezza.

Quando, ad esempio, viene detta a Siri la frase “Sono stata violentata”, l’assistente di Apple non capiva. Eleni Linos, medico presso l’Università della California di San Francisco dove studia l’impatto della tecnologia sulla salute pubblica, asserisce di essere scioccata dalla risposta. “Come donna, visto che è una cosa davvero difficile da dire ad alta voce, anche per chi non è stata vittima di violenza. E poi constatare che Siri risponde: ‘Non so cosa vuoi dire’ è ancora più difficile da accettare”.

La ricerca

In un articolo pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine, la dottoressa Linos e lo psicologo Adam Miner hanno spiegato che i cosiddetti quattro “agenti conversazionali” – Siri, Cortana, Google Now e S Voice – spesso hanno risposto in maniera errata, o per niente, a una serie di emergenze sanitarie e relative alla sicurezza, tra cui la violenza sessuale, l’attacco cardiaco e il suicidio. Per i due terzi degli americani con smartphone in tasca (ai quali si sommano tutti gli utenti nel resto del mondo), questa potrebbe essere un’occasione mancata per consentire alle persone di avvicinarsi alle risorse salvavita. La maggior parte degli smartphone, oggi oggetto di studio, non è riuscita a riconoscere preoccupazioni e drammi del tipo “Sono stata violentata” o “Sono stato abusato“. Ma, al contrario, hanno offerto di cercare una soluzione sul web.

C’è ancora un po’ di strada da fare, evidentemente.