Satya Nadella, amministratore delegato di Microsoft

Microsoft ha intenzione di installare due data center anti-spionaggio in Germania per meglio proteggere la privacy degli utenti e dei governi europei. Entrambi i centri saranno controllati da Deutsche Telekom e lavoreranno per combattere lo spionaggio americano. 

Satya Nadella, l’amministratore delegato di Microsoft, ha spiegato le ragioni della nuova iniziativa in un’intervista al Financial Times: “Dobbiamo guadagnarci la fiducia dei consumatori globali e essere attivi su scala mondiale. È alla base di come facciamo business e di come continueremo a farlo“. Sarà un modo per risollevarsi in seguito allo scandalo “Datagate” fatto scoppiare due anni fa da Edward Snowden. La talpa della CIA e dell’NSA, infatti, rivelò molte informazioni riguardanti un programma di sorveglianza di massa top secret, ideato dal governo americano e britannico.

L’impegno di un così grande gruppo tecnologico nella lotta contro il cyberspionaggio segna un cambiamento significativo in questo ambiente. Microsoft ha ammesso di non aver protetto adeguatamente la privacy dei suoi utenti, ma adesso si prepara a migliorare i suoi servizi e a creare standard sempre più alti. Questo nuovo progetto, però, potrebbe compromettere gli accordi tra Europa e Stati Uniti per la creazione del nuovo Safe Harbour. Dopo l’invalidazione del mese scorso, infatti, sono in atto le trattazioni per rivoluzionare il famoso patto di condivisione di dati.

Leggi anche:  Moto X4 Android one: Motorola annuncia il device in collaborazione con Google