samsung
Samsung Exynos 8890, inizia la produzione

Pare che Samsung abbia avviato la produzione di massa del nuovo chip Exynos 8890 che monterà su una delle versioni dell’atteso Galaxy S7. L’inizio della produzione sembra essere stata anticipata rispetto alla tradizionale tabella di marcia, che sia una conferma dell’arrivo dello smartphone prima del previsto?

C’è molta confusione nei confronti dell’atteso Samsung Galaxy S7. Tra speculazioni, leak e rumors vari sono ancora tante le cose che non sappiamo del nuovo top di gamma del colosso coreano, che arriverà come ogni anno nei primi mesi del 2016. Una nuova voce, emersa proprio in queste ore, conferma che Samsung ha appena avviato la produzione di massa del processore Exynos 8890, che verrà montato proprio su una delle versioni del Galaxy S7.

Generalmente la produzione su larga scala dei processori dei top di gamma del colosso coreano parte intorno al mese di dicembre, mentre il nuovo dispositivo della gamma Galaxy S viene presentato durante il Mobile World Congress di febbraio con rilascio sul mercato circa un mese dopo. Il fatto che la produzione del nuovo Exynos 8890 sia già cominciata, con un anticipo di circa un mese sulla tabella di marcia tradizionale, potrebbe andare a confermare la notizia che vedeva con sempre più insistenza l’arrivo del Samsung Galaxy S7 prima del previsto.

Leggi anche:  Android: i produttori lavoreranno al riconoscimento 3D abbandonando il sensore di impronte

L’Exynos 8890 verrà montato su una delle versioni del Galaxy S7, che come sappiamo dovrebbe essere rilasciato in due diverse varianti: la prima con Snapdragon 820 e la seconda con il processore proprietario di Samsung, di cui sono già apparsi anche i primi benchmark. Dai risultati di questi test sembra che il nuovo chip del produttore sarà molto potente, con una potenza pari all’1.75% in più rispetto al chip A9 di Apple in multi-core. L’Exynos 8890 dovrebbe inoltre essere un processore octa-core a 64 bit da 2.4 GHz, costruito come il suo predecessore Exynos 7420 con la tecnologia a 14nm FinFET di Samsung. Sicuramente il colosso coreano farà un ottimo lavoro dopo il successo del suo Galaxy S6, considerato lo smartphone migliore del 2015 proprio per il processore presente al suo interno.