elon-musk-sfida-ceo-twitter-dibattito-pubblico

Elon Musk ha sfidato il CEO di Twitter Parag Agrawal a una discussione pubblica, citando la sua insoddisfazione per la controversia legale in corso per il suo tentativo di violare un contratto di acquisizione da 44 miliardi di dollari. Musk ha twittato sabato: “Ora sfido @paraga a un dibattito pubblico sulla percentuale di bot di Twitter”. “Lascia che dimostri al pubblico che Twitter ha il 5% di utenti falsi o spam di tutti i giorni!”

Ovviamente, è improbabile che si verifichi una discussione tra Musk/Agrawal ed è improbabile che il dibattito proposto da Musk stabilisca fatti sullo spam di Twitter che non possano essere stabiliti in tribunale. Musk, Agrawal o entrambi possono scegliere di testimoniare al prossimo processo della Corte di Cancelleria del Delaware. Non sorprende che la CNBC abbia affermato che “una fonte vicina all’azienda ritiene che un dibattito non si svolgerà al di fuori di un processo in sospeso”.

Musk e Agrawal non si confronteranno in una discussione pubblica

Nonostante il desiderio dichiarato di Musk di dimostrare la sua argomentazione in un dibattito pubblico, ha tentato di posticipare il processo fino a febbraio 2023. Il giudice Kathaleen McCormick ha negato la richiesta di rinvio di Musk pur accettando il desiderio di Twitter di accelerare il processo, che attualmente dovrebbe iniziare a ottobre 17. “La realtà è che un ulteriore ritardo minaccia un danno irreparabile per i venditori”, ha scritto McCormick nella sua decisione.

Musk ha risposto con un’emoji a maggio, dopo che Agrawal ha scritto un thread che descriveva il processo di stima dello spam di Twitter. Musk potrebbe essere preoccupato che il processo non dedichi sufficiente attenzione alle sue affermazioni secondo cui le statistiche sullo spam di Twitter sono imprecise. “Non è questo il punto di questa azione”, ha detto l’avvocato di Twitter William Savitt all’udienza della data del processo, definendo la denuncia di spam di Musk un “problema inventato”.

Twitter ha dichiarato in una dichiarazione in tribunale la scorsa settimana che Musk non ha l’autorità per ritirarsi dalla fusione in base alla quantità di account di spam, sostenendo che l’accordo non menzionava account fraudolenti o spam. “Quando Musk si è offerto di acquistare Twitter, non ha richiesto – e Twitter non ha rilasciato – alcuna dichiarazione in merito al numero di account falsi o spam”, ha scritto Twitter, aggiungendo che “Musk ha rinunciato a tutta la due diligence, dando a Twitter ventiquattro ore per accettare o rifiutare la sua offerta “prendere o lasciare” prima di presentarla direttamente agli azionisti di Twitter”.particolare, afferma nei documenti della Securities and Exchange Commission che meno del 5% dei suoi utenti attivi giornalieri monetizzabili (mDAU) sono spam o falsi.

Avatar
Appassionato di tecnologia e videogiochi. Sono uno studente di Ingegneria informatica a tempo pieno, ma ho anche altri difetti.