whatsapp-limitazioni-a-chi-non-accetta-le-ragole

Dopo tanti annunci e molte preoccupazioni è arrivato il giorno “x”. Sabato 15 maggio 2021 sono scattate le nuove politiche per la privacy su WhatsApp. Diversi sapevano che non sarebbero state indolore, soprattutto per chi non le condivide. Facebook però ha già pensato a delle limitazioni per chi non accetta le nuove regole. Ecco quali sono e cosa comportano per l’utilizzo di WhatsApp.

 

WhatsApp limitato: ecco cosa deve subire chi dice no

Purtroppo le conseguenza che il Gruppo Facebook ha scelto nei confronti di chi non ha ancora accettato le nuove condizioni e i nuovi termini di WhatsApp non sono per nulla simpatiche. L’app a poco a poco diventerà limitata sotto alcune funzioni fino a che diventerà completamente inutilizzabile.

Primo fra tutti l’oscuramento delle chat. Non avendo fatto “tap” su “Accetto” in merito alle nuove informative sulla privacy, WhatsApp ora non permetterà agli utenti di accedere alle chat. Saranno solo in grado di ricevere i messaggi e di rispondere dalla finestra di notifica e non più direttamente dall’app.

Gli utenti potranno ancora ricevere chiamate e videochiamate, ma non sarà permesso loro di effettuarle. Il tasto di risposta sarà sempre disponibile al di fuori dell’app di WhatsApp, che rimarrà sempre in gran parte oscurata.

Fino a che, per chi non avrà ancora detto sì alle nuove condizioni di WhatsApp, non sarà più possibile fare nulla. L’account non sarà cancellato, ma verranno inibite da Facebook tutte le sue funzioni. L’esperienza utente sarà paralizzata. Non riceverà più messaggi, né chiamate e videochiamata. Non avrà nemmeno più cognizione di chi scriverà perché anche le notifiche saranno inibite.

 

Se non accetti parte il metodo dello sfiancamento

Non accettare le nuove condizioni sulla privacy di WhatsApp non comporta solo delle limitazioni graduali. Infatti durante tutto il periodo che precede il blocco dell’account Facebook provvederà delle notifiche promemoria molto invasive.

Con queste l’azienda avviserà costantemente l’utente che, se non accetterà, a breve non potrà più utilizzare il suo account su WhatsApp. Insomma, una specie di ricatto. Noi le avevamo chiamate notifiche di WHatsApp stalking.

 

FONTEIl Girnale