blank

I geoscienziati della Goethe University hanno trovato i più grandi diamanti extraterrestri mai scoperti – comunque di dimensioni di pochi decimi di millimetro – all’interno dei meteoriti. Insieme ad un team internazionale di ricercatori, sono stati in grado di dimostrare che questi diamanti si sono formati nel primo periodo del nostro sistema solare quando i pianeti di piccole dimensioni si sono scontrati con grandi asteroidi.

I diamanti si sono formati dal forte impatto tra asteroidi e pianeti di piccole dimensioni

Si stima che oltre 10 milioni di asteroidi stiano girando attorno alla Terra. Sono reliquie dei primi giorni del nostro sistema solare, quando i nostri pianeti si formarono da una grande nuvola di gas e polvere che ruotava attorno al sole. Quando gli asteroidi vengono lanciati fuori dall’orbita, a volte precipitano verso la Terra come meteoroidi. Se sono abbastanza grandi, non si bruciano completamente quando entrano nell’atmosfera e possono essere trovati come meteoriti. Lo studio geo scientifico di tali meteoriti consente di trarre conclusioni non solo sull’evoluzione e lo sviluppo dei pianeti nel sistema solare, ma anche sulla loro estinzione.
Un tipo speciale di meteoriti sono le ureiliti. Si tratta di frammenti di un corpo celeste più grande – probabilmente un pianeta minore – che è stato fatto a pezzi a causa di violente collisioni con altri pianeti minori o grandi asteroidi. Le ureiliti contengono spesso grandi quantità di carbonio, tra l’altro sotto forma di grafite o nanodiamanti. I diamanti di oltre 0,1 e più millimetri non possono essersi formati quando i meteoroidi hanno colpito la Terra. Eventi di impatto con energie così grandi farebbero evaporare completamente i meteoroidi. Questo è il motivo per cui finora si è ipotizzato che questi diamanti più grandi, simili a quelli all’interno della Terra, si saranno formati da una pressione continua all’interno di precursori planetari delle dimensioni di Marte o Mercurio.
Insieme a scienziati provenienti da Italia, Stati Uniti, Russia, Arabia Saudita, Svizzera e Sudan, i ricercatori della Goethe University hanno trovato i diamanti più grandi mai scoperti nelle ureiliti del Marocco e del Sudan e li hanno analizzati in dettaglio. Oltre ai diamanti di dimensioni fino a 100 micrometri, nelle ureiliti sono stati trovati numerosi nidi di diamanti su scala nanometrica e nanografite. Analisi più attente hanno mostrato una modifica dei diamanti che si verifica solo attraverso una pressione improvvisa e molto alta. Inoltre, altri minerali (silicati) nelle rocce di ureilite in esame hanno mostrato segni tipici di pressione d’urto. Alla fine, è stata la presenza di questi diamanti più grandi insieme a nanodiamanti e nanografite che ha portato alla svolta.

Il professor Frank Brenker del Dipartimento di geoscienze della Goethe University spiega:

“I nostri nuovi studi approfonditi mostrano che questi insoliti diamanti extraterrestri si sarebbero formati attraverso l’immensa pressione d’urto di un grande asteroide o persino un pianeta minore potrebbe essersi schiantato sulla superficie del corpo dell’ureilite. È comunque possibile che sia stato proprio questo enorme impatto a portare alla fine alla completa distruzione del pianeta minore.”