Come ormai ben saprete, una tappa importante per qualsiasi smartphone pronto ad essere lanciato sul mercato è l’ottenimento del marchio FCC. Molte volte questo step rivela al mondo molte caratteristiche dello smartphone.

Nonostante non sia il caso di cui vogliamo parlarvi oggi, è ugualmente interessante andare a spulciare alcune delle caratteristiche emerse dell’ultimo dispositivo passato la FCC, ovvero il Samsung Galaxy Note 20.

 

Il Samsung Galaxy Note 20 passa per la FCC

Il dispositivo in questione è ormai prossimo alla presentazione e nelle ultime ore ha fatto una piccola fermata con il codice identificativo SM-N986U. Nonostante appunto non siano trapelate immagini della scocca, questa tappa ha confermato numerose caratteristiche dello smartphone, a partire dalla connettività.

Il device supporta le reti 5G e non mancherà ovviamente il supporto in toto a quelle 4G. Abbiamo ricevuto ulteriori conferme anche per il processore a bordo, si tratta di un Qualcomm Snapdragon 865. Sembrerebbero dunque smentiti i rumor relativi alla possibile introduzione di una versione “Plus” del processore, fino ad ora mai presentata.

Per il resto del dispositivo viene anche citata l’immancabile presenza della S Pen, ovviamente Bluetooth come in Note 9 e 10, il modulo Wi-Fi 6, la ricarica wireless, l’NFC e la compatibilità con la piattaforma Samsung Pay. Insomma, nulla di nuovo ma tutte gradite conferme. Il Galaxy Note 20 Ultra partirà da 1299 dollari, il prezzo è salito ancora rispetto alla versione base dell’anno precedente.

Le caratteristiche tecniche in comune saranno il display, con l’ottimo e aggiornato Dynamic Amoled QHD+ dotato ora di refresh rate a 120 Hz, e il SoC Snapdragon 865+ o Exynos 992 che varierà in base al mercato di destinazione. Per Galaxy Note 20 Ultra ci sarà anche una configurazione da 512 GB con modulo RAM che si spingerà fino a 16 GB. Novità anche per la ricarica rapida, che ora per entrambi arriverà a 45 W.