Android: 10 applicazioni offerte oggi gratis dal Play Store che impazzisceCi sono alcune app Android che singolarmente rappresentano un vero problema. Se utilizzate tutte insieme possono minare la stabilità del telefono concorrendo al danneggiamento della batteria. Non è raro, infatti, il caso in cui un utente debba dire addio al suo telefono con largo anticipo per via di software troppo pesanti che devono essere eliminati oppure sostituiti con qualcosa di meglio. Ecco quali sono le categoria di app dannose da disinstallare.

 

App che puliscono la RAM

Sono state concepite per liberare memoria ma in realtà non hanno alcun effetto. La loro azione è solo temporanea ed infatti, dopo pochi secondi, tutta la memoria torna piena per mano delle applicazioni in esecuzione. Più che altro queste app consumano batteria senza apportare alcun beneficio e nascondendo spesso software spia e nuovi malware.

 

App che migliorano la velocità Android

Non sono dissimili dalle precedenti. Sono addirittura peggiori in quanto:

  • richiedono troppe autorizzazioni, anche a componenti hardware talvolta non necessarie,
  • mostrano molte pubblicità,
  • potrebbero nascondere adware o malware,
  • sono sostanzialmente inutili,
  • consumano molta batteria,
  • occupano molte risorse.

Il compito di migliorare Android, in questo caso, è da relegare ad un lavoro manuale che consiste nel pulire la cache ed i dati in memoria tramite le opzioni implementate a livello di sistema.

 

Software per aumentare la durata della batteria

I vari Battery Saver non funzionano. L’unico modo per aumentare l’autonomia passa per la ridefinizione delle impostazioni di sistema in merito alle funzioni attive. Quelle che consumano più energia sono legate alla connettività (dati, WiFi, Bluetooth, NFC, GPS) oppure al display (luminosità e timeout screen). Utilizzando con parsimonia le opzioni avremo un vero aumento di batteria.

 

Bloatware

Sono i cosiddetti software spazzatura inseriti dal programmatore nel sistema personalizzato prima o dopo un aggiornamento. La soluzione passa per la disinstallazione (non sempre possibile). In caso ciò non si potesse fare si può sempre procedere alla disattivazione.

 

Social Network

Ne abbiamo già discusso quanto si è parlato di Facebook per Android. Nel dettaglio si scopre che applicazioni del genere:

  • occupano molta memoria,
  • sono sempre attive in background per ricevere le notifiche,
  • consumano batteria.