La strada ha le sue regole ed in queste rientrano anche quelle per gli smartphone alla guida. Qualsiasi automobilista che viene colto sul fatto ad utilizzare un dispositivo elettronico è punito severamente con multe importanti. Vengono definite all’interno delle nuove direttive nazionali del Codice della Strada.

La norma rafforza il potere della Legge contro gli usi illeciti dei telefoni in auto da parte degli automobilisti. Le sanzioni preesistenti sono state sovvertite e sostituite da ammende più pesanti. Ecco cosa succede per chi viene colto sul fatto.

 

Smartphone in auto: sanzioni più severe per chi usa il telefono (anche in fermata)

Un problema assai grave è quello dello smartphone acceso ed in funzione con le app mentre si guida il mezzo. Lo vediamo tutti i giorni lungo i viali e per le strade di tutta la città. Un rallentamento in corso? Guardiamo meglio e scopriamo che è colpa del solito automobilista scorretto che parla al telefono mantenendo solo una mano sul volante. Un comportamento rischioso e scorretto.

Esistono valide alternative all’uso del telefono come ad esempio gli auricolari Bluetooh oppure il vivavoce. Le auto di ultima generazione hanno anche i sistemi Apple Car Play o Android Auto per sfruttare tutte le potenzialità del mezzo mantenendo massima la concentrazione alla guida.

Nonostante questo poco importa, molti preferiscono scontare il ritiro della patente da 7 a 60 giorni ed affrontare multe che vanno da 422 euro a 1.687 euro. Ma non basta. Chi risulta recidivo, ovvero trovato nuovamente a perpetrare lo stesso reato, ottiene una multa più onerosa che va da 644 a 2.588 euro con sospensione della patente da uno a tre mesi e decurtazione da 5 a 10 punti totali sulla patente.