I venditori di Amazon Marketplace che si occupano di prodotti Nintendo nuovi, usati e ricondizionati si sono svegliati ieri con un preavviso particolare:  Amazon stava dicendo ai venditori di terze parti che non potevano più elencare prodotti Nintendo di alcun tipo senza chiedere l’approvazione.

La modifica della politica sembra interessare sia i giochi Nintendo che l’hardware Nintendo come i palmari 3DS. A prima vista, sembrava che due società avessero bloccato un cosiddetto accordo di gating del marchio, comune nel commercio elettronico e progettato per limitare i venditori di terze parti che potevano trafficare in contraffazioni.

 

Amazon Marketplace: dopo il malinteso il ripristino delle inserzioni

Dopo una giornata di silenzio, Amazon afferma che l’e-mail che informa i rivenditori Nintendo dell’apparente cambio di politica è stato un errore. Nonostante l’affermazione di Amazon secondo cui tutte le inserzioni sono state ripristinate, nelle ultime 24 ore è attivo un thread del forum pieno di venditori Amazon Marketplace interessati. Non è chiaro quanti venditori siano stati interessati e se Amazon abbia comunicato loro l’errore.

Inizialmente, il cambiamento di politica sembrava abbastanza simile al tipo di accordi di gating del marchio che Amazon ha siglato con Apple e altre società in passato. Tali accordi hanno avuto l’effetto di dare il via a tutti tranne i più grandi venditori di terze parti da una piattaforma di e-commerce, apparentemente come uno strumento per il conto alla rovescia su prodotti contraffatti. (Nike è un altro grande partner Amazon in questo senso.) Ma dozzine di legittimi venditori Nintendo di terze parti affermavano di essere stati tagliati fuori dal mercato più redditizio degli Stati Uniti per vendere prodotti online senza alcuna spiegazione e senza linee guida su come procedere.