iliad

Iliad è il quarto operatore nazionale e nella storia dei gestori mobile è stato ed è anche quello più acclamato. Da quando è approdato in Italia, orde di utenti si sono precipitati verso questa novità e molti ne sono rimasti contenti e soddisfatti.

Iliad ha lanciato una rivoluzione nel mercato poichè prima del suo avvento nessuno si sarebbe mai aspettato delle offerte a prezzi stracciati. Se da una parte questo operatore ha trasmesso molta paura, per alcuni operatori invece non ha destato alcun problema.

Se da una parte abbiamo Vodafone Italia che ha subito un vero e proprio problema con le richieste di portabilità, dall’altra parte abbiamo TIM Italia che, invece, ha subito solo 50.000 perdite. Sono cifre importanti, ma rispetto al sentito dire e al boom che Iliad ha avuto, si presentano inaspettate e molto ridimensionate.

Osservando ciò che gli analisti di Mediobanca Securities, perviene che “Riteniamo che Tim  sia stata in grado di limitare la perdita di linee e questo dovrebbe consentire alla società di sovraperformare i suoi competitor per ciò che riguarda i ricavi da servizi mobili, visti in calo nel terzo trimestre. A nostro avviso, Tim  dovrebbe limitare la flessione al di sotto del 5% e ci aspettiamo anche un calo “mid single-digit” per l’ebitda domestico del gruppo. Un tale set di numeri sarebbe una buona notizia, in quanto dimostrerebbe che la recente correzione del mercato è stata troppo aggressiva”

Leggi anche:  Vodafone, TIM, Wind: i soldi spariscono, ecco dove sono finiti e come recuperarli

Queste affermazioni non tolgono nulla al quarto e nuovo operatore. Nessuno mette in dubbio le sue potenzialità, ma nonostante queste si deve riconoscere che il suo attacco non ha scalfito i rivali così come ci si aspettava.