whatsapp nuovo aggiornamento
WhatsApp

Nelle scorse ore vi avevamo parlato di una teoria firmata WikiLeaks secondo cui la CIA avrebbe accesso indiscriminato a migliaia di account WhatsApp. L’obiettivo dell’agenzia di intelligence sarebbe quello di monitorare eventuali soggetti a rischio terrorismo. Così facendo, però, la privacy di milioni di cittadini andrebbe a farsi benedire.

Il Regno Unito vuole accedere alle chat di WhatsApp

Da poche ore, attraverso indiscrezioni che provengono da oltre Manica, apprendiamo una nuova notizia riguardante il rapporto sicurezza/WhatsApp. Il governo britannico, negli scorsi mesi, avrebbe chiesto alla chat di messaggistica più importante al mondo di accedere a conversazioni private e criptate. In particolar modo, il Regno Unito ha cercato di convincere gli sviluppatori della chat a creare esclusive backdoor.

Per chi non lo sapesse, una backdoor è una soluzione tecnica che consente ad enti esterni di entrare in possesso di un contenuto riservato od occulto.

A questa richiesta – secondo i colleghi di SkyNews – sarebbe giunta la risposta negativa di WhatsApp. La piattaforma, ha infatti, rimandato al mittente la domanda. Nonostante gli scopi degli 007 britannici fossero più che nobili (prevenire eventuali derive di stampo terroristico), la chat ha preferito tutelare la propria indipendenza, anche per non creare un pericoloso precedente.

La nostra privacy quindi non è sotto attacco, anche se ultimamente non c’è da star tranquilli: sempre più enti vogliono entrare in possesso di conversazioni che sono e dovrebbero restare private.