Apple
Apple: le app non aggiornate, verranno rimosse da App Store.

Apple ha lanciato un ultimatum agli sviluppatori di App Store. A partire dal 7 settembre, coloro che non avranno aggiornato i software delle applicazioni riceveranno un sollecito da parte di Cupertino. Gli sviluppatori avranno 30 giorni di tempo per correggere la presenza di eventuali errori di sistema o per aggiornare il software. Gli utenti potranno continuare a utilizzare l’app sul proprio iPhone anche se quest’ultima non sarà ultimata.

App mal funzionanti e crollo del mercato

Secondo The Statistic portal, soltanto nel mese di giugno 2016, l’App Store conteneva circa 2 milioni di applicazioni, tra cui molte di queste non perfettamente funzionanti. Tali app non solo avrebbero influito sul rallentamento dei download, ma anche su quello del mercato.

Addio alle vecchie app

Vento di cambiamenti per lo store digitale della Mela Morsicata, che introduce nuove strategie di marketing. Dopo aver fornito delle nuove linee guida, la società californiana si appresta a fare pulizie nei propri archivi. Nello specifico, Apple intende eliminare vecchie applicazioni e software ormai obsoleti. E non solo, la compagnia ha imposto un limite di 50 caratteri al titolo di ogni singola app: l’obiettivo principale è limitare la diffusione di applicazioni di spam.

Leggi anche:  Apple: delusione totale per i nuovi iPhone, perdite per 47 miliardi in ua settimana

A tal proposito, va detto che in passato diversi sviluppatori hanno sfruttato brand affini per ottenere una posizione vantaggiosa all’interno della classifica. Con questa furberia, gli informatici hanno ingannato, molto spesso, gli utenti. Si tratta di un atteggiamento che ha persino ottenuto una definizione ufficiale, “conquesting“.

L’ultimatum agli sviluppatori

Il colosso di Cupertino ha lanciato un ultimatum ben chiaro. A partire dal prossimo mercoledì 7 settembre, le applicazioni che continueranno a rilevare crash all’avvio saranno segnalate ai rispettivi sviluppatori. Essi avranno il compito di fornire agli utenti una versione aggiornata delle medesime entro 30 giorni dalla ricezione dell’avviso. Tutte le app, che non verranno corrette, saranno automaticamente eliminate dall’App Store.

Tuttavia, qualora gli sviluppatori decidessero di non aggiornare i software, gli utenti potranno continuare a usufruire delle app installate sui rispettivi iDevice.

Ricordiamo, inoltre, che il 7 settembre si aprirà l’atteso keynote che, probabilmente, vedrà protagonista iPhone 7.