Amazon
Amazon lancia la sfida a YouTube con un servizio di social video.

Amazon sfida YouTube proponendo Video Direct, un nuovo servizio che consente agli utenti di caricare videoclip e di guadagnare attraverso le pubblicità. Per la prima volta il colosso si avvicina al mondo dei video. 

Una delle più grandi aziende di commercio online è intenzionata a raggiungere lo stesso successo ottenuto da YouTube, se non superarlo. Per questo motivo Amazon ha annunciato di voler sfidare la piattaforma web, proponendo ai suoi utenti un nuovo servizio che punta alla pubblicazione di contenuti video. Quest’ultimi potranno essere di vario genere e, per gli utenti che sceglieranno di caricare e produrre videoclip, non sarà necessario versare alcuna commissione. Inoltre, per coloro che condivideranno contenuti ci saranno alcuni compensi, che potranno dipendere dall’audience raggiunto.

La piattaforma

Amazon
Amazon propone il nuovo servizio di Video Direct.

Il nuovo servizio di Video Direct è dedicato soprattutto ai videomaker che si occupano di produrre filmati in modo del tutto professionale. A quest’ultimi è stato richiesto di caricare filmati sottotitolati e ad alta definizione, in modo tale da poter essere guardati anche dai non udenti.

I professionisti potranno avere quindi l’occasione di scegliere se rendere i contenuti pubblici, ovvero disponibili per tutti i clienti Amazon, oppure soltanto per gli abbonati Prime o Prime Video. Inoltre, alcune discrezioni rivelano che per incoraggiare la produzione di video, Amazon avrebbe deciso di offrire un bonus mensile pari ad 1 milione di dollari per i primi 100 migliori video pubblicati.

Come stilare la classifica

Attraverso il programma AVD Stars, Amazon permette agli utenti di valutare i video in base al numero di stelle che si desidera votare. Amazon Video Direct è attualmente attivo soltanto in alcuni paesi, ovvero Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Giappone e Austria. Disponibile su smartphone, tablet e console di gioco, il servizio sarà diffuso successivamente anche in Italia, ma per il momento nulla è certo. Sarete presto aggiornati.