wiflux-520x336

“Cavolo ho di nuovo la batteria scarica”, oramai questa è la frase comune tra chi ha lo smartphone, colpa dei processori troppo potenti, colpa delle batterie che solo ora hanno attirato la progettazione dei big per migliorarne le prestazioni ma soprattutto la durata, ebbene, con questo nuovo progetto tutto questo potrebbe essere un ricordo!

Si chiama “WiFlux” ed è un progetto davvero rivoluzionario presentato su Indiegogo (stesso sito della raccolta fondi per ubuntu edge), in cosa consiste?
Semplice, in una batteria, dello spessore e della grandezza approssimativa di una carta di credito, non fa altro che essere attaccata dietro lo smartphone attraverso un sistema di ancoraggio che sia colla magnetico o semplicemente attraverso una cover apposita e ricarica lo smartphone “wireless”, ossia senza fili, ovviamente non riuscirà mai a raddoppiare la durata effettiva della batteria, ma riesce comunque (almeno secondo i test iniziali) a raggiungere un buon 50% in più, cosa non da poco considerando che potrebbe trattarsi di quelle 4-5 ore in più, e con le batterie attuali far stare acceso lo smartphone 4-5 ore in più significa tanto!
Come è strutturata?
Ha una struttura a “wafer” con tecnologia a polimeri di litio che appunto è la miglior tecnologia per batterie al momento esistente.
Quanto costa preordinarla?
39 dollari e 90, ma ovviamente nella versione base, due per 68 dollari, mentre per una versione personalizzata come meglio vogliamo, sia nella forma, sia nei colori o in eventuali disegni, dovremo spendere 199$.

Leggi anche:  Un San Valentino speciale con dodocool e Koogeek: ecco le promozioni

Ovviamente è ancora prototipo, se vogliamo partecipare al “beta-test” ossia vogliamo provarla in anteprima mondiale dovremo donare circa 1000$ e tale dispositivo ci arriverà a casa prima che la raccolta fondi sia conclusa.

Ovviamente qui potrete trovare il “teaser” del progetto.

La raccolta fondi punta a centomila dollari, questa è la somma per far partire la produzione di massa, e restano solo 54 giorni al “goal” finale, ce la faranno?

[via]