Ecco perchè ci ammaliamo quando arriva l’inverno

Sappiamo che l’inverno arriva di pari passo con un picco di raffreddori e altre infezioni respiratorie.

Ciò è in parte dovuto al fatto che trascorriamo più tempo in casa con altre persone, per questo i virus riescono a sopravvivere meglio in quell’aria più secca.

Gli scienziati hanno ora scoperto come il sistema immunitario all’interno del nostro naso attacca gli intrusi virali e come questo meccanismo di difesa funzioni meglio quando fa caldo.

I ricercatori affermano che i risultati, pubblicati su The Journal of Allergy and Clinical Immunology, potrebbero aiutare a sviluppare futuri trattamenti contro il comune raffreddore e altre malattie virali come il COVID-19.

Non c’è mai stata una ragione convincente per cui si ha questo chiaro aumento dell’infettività virale nei mesi freddi“, ha detto il coautore dello studio Benjamin Bleier, un chirurgo della Harvard Medical School e del Massachusetts Eye and Ear a Boston, negli Stati Uniti. dichiarazione. “Questa è la prima spiegazione quantitativa e biologicamente plausibile che è stata sviluppata“.

Quando il freddo “intorpidisce” il sistema immunitario

Precedenti ricerche del team avevano scoperto che quando respiriamo, le cellule all’interno del nostro naso rilasciano minuscole particelle chiamate vescicole extracellulari (EV) che sciamano, legano e uccidono i batteri.

Ma nel loro ultimo studio, i ricercatori hanno deciso di rispondere a due domande: questa risposta immunitaria nel naso è innescata anche dai virus e le temperature più basse ne influenzano la forza? In entrambi i casi la risposta è stata affermativa.

Gli scienziati hanno prelevato campioni nasali da volontari e hanno coltivato un lotto nel loro laboratorio alla temperatura corporea di 37°C, e un altro lotto a 32°C, perché è così che scende la temperatura all’interno del nostro naso quando siamo all’aperto con il tempo gelido.

In normali condizioni di calore corporeo, le vescicole extracellulari sono state dispiegate con successo e sono servite da “esche” a cui i virus si sarebbero attaccati invece delle cellule che altrimenti avrebbero preso di mira.

Quelle vescicole extracellulari si legano effettivamente ai virus, che sono sospesi nel muco nasale“, ha affermato l’autore principale dello studio Di Huang.

FONTEeuronews
Articolo precedenteAvatar 2, il film entra ufficialmente nel record dei 10 film con più incassi di sempre
Articolo successivoQuante volte puoi piegare un foglio di carta? Ecco la risposta di chi detiene il Record Mondiale
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it