Postepay: rischi su rischi con la truffa phishing che arriva tramite messaggio

Probabilmente continuerà ancora per molto la grande ascesa del phishing, pratica truffaldine che ormai gira da diversi anni. Sono infatti sempre di più gli utenti che lamentano problematiche del genere, soprattutto a seguito di messaggi che arrivano sul loro smartphone mediante e-mail, applicazioni di messaggistica o semplicemente tramite il web.

Gli utenti più presi di mira sarebbero quelli che intasca hanno una carta Postepay, proprio perché sono i più numerosi in Italia. L’ultima truffa sarebbe arrivata tramite messaggio e-mail, facendo credere a tutti che si trattasse di una comunicazione da parte della filiale. In basso potete trovare il testo intero del messaggio incriminato.

Postepay: arrivano le truffe phishing di fine settembre, ecco il nuovo messaggio

Gentile Cliente,
Siamo spiacenti di informarvi che abbiamo deciso di sospendere le vostre operazioni sul nostro sito e sulla vostra carta poichè avete ignorato la precedente richiesta di conferma della vostra identità e di attivazione dei servizi DSP2 che è ormai la norma europea.
Per poter riutilizzare la sua carta si prega di confermare le informazioni rilasciate sul nostro sito al momento della sua registrazione.
La procedura può essere completata cliccando sul link sottostante, che la porterà sul nostro sito nella sezione dedicata alle verifiche.
L’aggiornamento di un giorno obbligatorio.
Ti ringraziamo in anticipo per il tempo che ci dedicherai.
Per iniziare:
  CLICCA QUI  
Le ricordiamo che finché la verifica non viene effettuata, lei non sarà in grado di :
  • Effettuare prelievi al bancomat o su POS.
  • Effettuare ricariche.
  • Effettuare pagamenti online o su POS.
  • Effettuare bonifici bancari .