audacity-attenzione-potrebbe-essere-un-pericoloso-spyware

Continua la rassegna delle app pericolose che all’apparenza sembrano innocue, ma in realtà nascondono un pericoloso virus. Oggi è il turno di una che ha fatto la storia. Chi non ha mai usato almeno una volta il fantastico Audacity! Uno dei programmi open source più popolari potrebbe essere un pericoloso spyware. Scopriamo insieme cosa è successo e perché sembra essersi annoverata il titolo di app pericolosa.

 

Audacity: duro colpo per gli utenti che potrebbero essere in pericolo

Duro colpo per tutti gli utenti che, nonostante il peggioramento di questi ultimi anni, utilizzano ancora Audacity. Infatti pare che, dopo l’ultimo aggiornamento, questo programma nasconda al suo interno un pericoloso spyware.

Occorre precisare che da due mesi a questa parte Audacity era stato acquisito da Muse Group, subendo così parecchie modifiche. Come è intuibile da quanto detto in precedenza, non troppo apprezzate dagli utenti.

L’interfaccia è peggiorata parecchio risultando poco funzionale e alquanto impacciata. Inoltre non è possibile operare su un file audio senza rovinarlo per sempre. Infatti le modifiche apportate vengono salvate sul file originale. Questo richiede perciò un backup, altrimenti addio fonte.

 

Uso improprio dei dati: ecco il pericolo dietro questa app

Chiamare Audacity app sembra essere un po’ audace. Tuttavia ora, con le ultime modifiche delle Condizioni Generali sulla Privacy, può essere tranquillamente catalogata tra quelle pericolose.

Pare infatti sospetto che la società richieda il permesso di utilizzare e condividere i dati dell’utente con terze parti. Questo perché non si tratta di un programma o un’app che necessita di connessioni con fonti esterne per svolgere le sue funzioni.

Addirittura, secondo quanto dichiarato da Fosspost, “la pagina dell’informativa sulla privacy aggiornata […] per Audacity include un’ampia gamma di meccanismi di raccolta dei dati. Dichiara, ad esempio, che può consegnare qualsiasi dato utente alle autorità di regolamentazione in cui si trova”.

Insomma, non possiamo davvero stare tranquilli. Proprio in questi giorni è arrivata notizia che gli utenti Facebook sono sotto attacco a causa di 9 app che nascondevano un pericoloso Trojan.

FONTEFossPost