facebook-utenti-sotto-attacco-da-9-app-insospettabili-ma-pericolose

Ancora una volta diversi utenti Facebook sono finiti nelle mani degli hacker. Infatti, sotto attacco da 9 app all’apparenza insospettabili, ma che in realtà sono davvero pericolose, hanno subìto il furto delle password collegate al famoso social network. Inutile dire che, se qualcuna di queste è installata nello smartphone, deve essere disinstallata al più presto. Ecco l’elenco completo delle app incriminate che hanno messo sotto scacco molti account Facebook.

 

App pericolose: ecco quelle che hanno rubato password e dati personali su Facebook

Purtroppo bisogna dirlo, nemmeno il Google Play Store è così sicuro da potersi permettere di scaricare e installare qualsiasi app ad occhi chiusi. Infatti sono sempre più frequenti casi in cui società che sviluppano software antivirus scovano in alcune pericolosi malware o trojan distruttivi.

È quanto successo recentemente quando Dr.Web ha scovato 9 app pericolose sul Google Play Store che avevano come reale obbiettivo quello di sottrarre dati sensibili dagli account Facebook delle vittime.

La cosa incredibile è che le prime quattro app dell’elenco, che a breve riporteremo, erano davvero famose. Addirittura si parla, nel complesso, di record da 6,5 milioni di download in tutto il mondo. Quindi gli utenti che da ogni parte della Terra le hanno scaricate si sono trovati con l’account di Facebook in pericolo. Se non addirittura con tutte le password e i dati personali rubati.

Ecco l’elenco completo delle 9 app pericolose che nascondevano al loro interno un pericoloso trojan a danno di chi aveva un account Facebook:

  • PIP Photo: con oltre 5,8 milioni di download;
  • Processing Photo: con oltre 500mila download;
  • Rubbish Cleaner: con oltre 100mila download;
  • Horoscope Daily: con oltre 100mila download;
  • App Lock Keep: con oltre 50mila download;
  • Lockit Master: con oltre 5mila download;
  • Horoscope Pi: con 1.000 download raggiunti;
  • App Lock Manager: con soli 10 download.

La strategia utilizzata da queste app era tanto semplice, quanto pericolosa. Per poter continuare ad utilizzare le preziose funzioni aggiuntive ed eliminare le fastidiose pubblicità, veniva richiesto l’accesso all’account Facebook.

Molti si saranno chiesti perché bastava così poco per potersi aggiudicare un app completamente gratuita e senza i continui e fastidiosi banner. L’arcano mistero ce lo ha spiegato Dr.Web.

Comunque Google, non appena è stato raggiunto dalla segnalazione, ha provveduto all’eliminazione delle app in oggetto nel suo store. Chi le avesse scaricate e installate sul proprio dispositivo, non solo dovrà disinstallarle il prima possibile, ma sarà necessario modificare tutte le password collegate a Facebook.

Insomma per il social network di Mark Zuckerberg non c’è mai pace. Dopo che TikTok ha battuto Facebook come contenitore di news, ora ci mancavano le app pericolose che hanno preso di mira i suoi iscritti.

FONTEdrcommodore.it