IPTV: 200 utenti nei guai, beccati con Sky e DAZN pirata

Con il mondo IPTV molti utenti hanno trovato giovamento sia dal punto di vista della visione dei propri canali preferiti che dal punto di vista economico. Effettivamente risparmiare tanti soldi ogni mese ed avere tutti i contenuti a pagamento disponibili al mondo è davvero un toccasana. Allo stesso tempo bisogna valutare che non si tratta di un servizio legale, per cui la legge potrebbe procurare grossi grattacapi. Restando in tema infatti, la task force delle forze dell’ordine è aumentata a dismisura, e proprio negli ultimi giorni sarebbero state beccate tantissime persone con le mani nel sacco. Ora questi rischiano davvero grosso soprattutto per quanto riguarda le ultime leggi stabilite.

Per avere le migliori offerte da parte di Amazon con molti codici sconto disponibili, ecco il nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

IPTV: ecco cosa rischiano tutti gli utenti che sono stati beccati ultimamente

Tutti coloro che sono stati beccati con le mani nel sacco rischiano la reclusione e una multa che parte da 2000 €. Inoltre sono previsti anche i sequestri del materiale utilizzato per vedere l’IPTV. Si parla dunque di smartphone, computer e decoder di ogni genere. Nel frattempo a parlare è stato Luigi De Siervo, AD della Lega Serie A:

“Per fortuna viviamo in un paese civile, in cui chi sbaglia paga. Complimenti alla Guardia di Finanza e all’Autorità giudiziaria per il grande risultato conseguito con questa operazione – ha dichiarato De Siervo -. Da mesi La Lega Serie A ha dichiarato guerra alla pirateria perché è un fenomeno criminale alimentato spesso da utenti inconsapevoli del reato che stanno commettendo e delle gravi conseguenze cui vanno incontro. Oggi, per la prima volta, sono stati denunciati oltre duecento consumatori finali, questo fatto rappresenta una svolta epocale nella lotta contro questa piaga, a tutela di tutti i club e dei tifosi che onestamente si abbonano per seguire le partite del nostro campionato”