come non pagare il canone Rai

Sin dalla sua prima apparizione il Canone RAI ha sempre rappresentato una delle imposte più odiate dagli italiani. Da diversi anni a questa parte, infatti, sono stati molteplici gli Italiani che hanno richiesto l’abolizione della tassa ma, purtroppo, tutti i tentativi sono stati vani. Diventato quindi uno dei temi principali all’interno delle discussioni degli Italiani, il canone Rai è entrato nel mirino di alcuni truffatori che lo hanno posto al centro di alcune truffe pericolose. Secondo i primi riscontri, infatti, queste truffe hanno mietuto già centinaia di vittime riuscendo a derubarle dei loro risparmi. Scopriamo quindi di seguito come funzionano queste frodi ed in che modo possiamo evitarle.

Truffa Canone Rai: ecco come difendersi per non perdere soldi

A quanto pare la nuova truffa legata al canone Rai, che ad oggi ha già colpito centinaia di vittime, sembra essere più astuta del previsto poiché attira gli utenti parlando di rimborsi. Stando a quanto riscontrato dalle segnalazioni delle vittime, infatti, i truffatori, attraverso un messaggio di posta elettronica, informano gli utenti di una falsa abolizione della tassa televisiva. La mail, quindi, racconta che il Governo ed il Parlamento stanno promuovendo una nuova disposizione secondo la quale ogni cittadino che ha versato l’importo del Canone Rai ha diritto al rimborso della cifra.

Ovviamente tutto ciò risulta essere falso e il link presente nella mail, anziché indirizzare la vittima sul sito dell’Agenzia delle Entrate, rappresenta in realtà un tentativo di appropriarsi delle coordinate bancarie. Diffidate sempre da tali email, soprattutto quando le notizie promettono soldi indietro e abolizioni mai confermate da fonti sicure e autorevoli.