caffe

Degli studi affermano che fino al 60% delle specie di caffèselvatiche” potrebbero estinguersi, alcune nei prossimi 10 o 20 anni, grazie alla deforestazione, agli insediamenti umani e ai cambiamenti climatici.

Ci sono 124 specie conosciute fino ad oggi, ma la maggior parte di noi beve versioni domestiche di solo due: la specie arabica, che rappresenta i due terzi del mercato globale, e e la canephora, meglio conosciuta come robusta, che aiuta il riposo. Ma la pianta di arabica è particolarmente suscettibile alle malattie, come il devastante fungo della ruggine delle foglie di caffè, e gli ibridi arabica-robusta che una volta erano resistenti stanno iniziando a soccombere.

Per mappare i luoghi e la salute delle specie di caffè selvatico, Aaron Davis, responsabile della ricerca sul caffè al Royal Botanical Gardens,  nel Regno Unito, ha dovuto condurre la valutazione globale più completa mai stillata fino ad oggi. Hanno iniziato con oltre 5000 registrazioni di specie selvatiche raccolte da altri ricercatori ed esploratori, e hanno raccolto ulteriori dati durante dozzine di spedizioni in aree chiave come: Africa, Madagascar e nelle isole dell‘Oceano Indiano.

Dopo aver mappato la posizione di ciascuna specie, hanno determinato, sulla base della popolazione vegetale e dell’habitat, che erano a rischio. Il sessanta percento era minacciato di estinzione e alcuni potrebbero essere già estinti, riferiscono questa settimana su Science Advances. “Sapevamo che il rischio sarebbe stato alto, ma in realtà non pensavamo che sarebbe stato così alto“, dice Davis. Per confronto, il 22% di tutte le specie di piante in tutto il mondo sono minacciate.

Leggi anche:  5G e le radiazioni ci faranno estinguere in 7 anni: verità o menzogna?

I nuovi studi cercano una soluzione permanente

I nuovi studi “rafforzano ciò che sappiamo” sulla vulnerabilità delle specie di caffè selvatico, afferma Sarada Krishnan, direttrice delle iniziative globali ai Denver Botanic Gardens e proprietaria di una piantagione di caffè in Giamaica. Due anni fa, Krishnan e altri scienziati hanno studiato un modo per tenere in vita le specie di caffè selvatico: attraverso le banche genetiche. Questi depositi ospitano materiale genetico che può essere ricondotto nelle piante se i loro cugini selvatici fossero cancellati dalla faccia della terra.

Il deposito più famoso è il deposito di sementi “doomsday” a Spitsbergen in Norvegia. Ma i semi del caffè non germogliano dopo essere stati congelati. Invece, le piante sono state conservate a casaccio in 52 raccolte sul campo nei paesi produttori di caffè. È un’impresa costosa e laboriosa in aree con risorse limitate, rendendo precaria l’esistenza continua dei chicchi.

Krishnan e il suo team di scienziati hanno dato la priorità a quattro banche genetiche (tre in Africa e una in Costa Rica) nella ricerca di nuove specie di caffè selvaggio. Tra i bisogni immediati: condizioni di aggiornamento per gli impianti esistenti, rifornimento di specie selvatiche scomparse e condivisione di dati e materiale genetico. Inoltre si stima che 25 milioni di dollari provenienti dall’industria per i prossimi 25 anni potranno finanziare tutto.