app Android iOS furto dati hackerIl Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha annullato l’incriminazione nei confronti di due hacker informatici, accusando gli individui in questione di varie trasgressioni. Tra cui una cospirazione per rubare tecnologie sensibili e danneggiare in altro modo i rivali economici della Cina. Anche un furto di identità aggravato e una cospirazione per commettere frodi sono parte dell’atto di accusa.

Minacce persistenti avanzate

Si ritiene che gli imputati lavorassero per APT-10, un gruppo che la comunità della sicurezza informatica descrive come “Minacce persistenti avanzate” a causa del loro modus operandi. Esso comporta gradualmente e surrettiziamente il furto di informazioni dalle loro vittime dopo aver compromesso il loro sistema con malware. Gli hacker sostenuti dalla Cina sono accusati di prendere di mira e attaccare i Managed Service Provider (MSP), il tipo di aziende che elaborano una vasta gamma di informazioni sensibili al servizio di innumerevoli soluzioni online. Almeno una dozzina di contee – tra cui gli Stati Uniti – sono state colpite dalle attività illegali dell’APT-10, si legge nell’atto di accusa. Oltre al settore dell’elettronica di consumo, gli hacker hanno anche preso di mira aziende di vari altri segmenti, tra cui estrazione, produzione, imballaggio, biotecnologia, sanità, telecomunicazioni.

I pubblici ministeri statunitensi ritengono di poter dimostrare che gli imputati hanno commesso tutti i suddetti crimini in cooperazione con il governo comunista cinese, vale a dire il suo principale servizio di intelligence: il Ministero della sicurezza dello Stato. Gli imputati, Zhu Hua e Zhang Shilong, sono attualmente residenti in Cina e non sono suscettibili di estradizione in nessuna circostanza, con il riconoscimento del DOJ come parte della comunicazione. Il sostituto procuratore generale Rod J. Rosenstein ha detto solo che spera che gli imputati un giorno facciano giustizia in un tribunale federale.

Un modello “inaccettabile” di furto e spionaggio

AG Rosenstein ha usato poche parole mentre annunciava l’accusa, descrivendo lo sviluppo come un’altra prova che suggerisce che la Cina è preoccupata di non avere leggi quando si tratta di fornire alle industrie nazionali un vantaggio nel contesto delle innovazioni tecnologiche. Il DOJ ha accusato la Cina di furto nel 2014 quando ha incriminato cinque funzionari dell’Esercito popolari. Da allora ha presentato innumerevoli altre accuse contro gli attori sponsorizzati dallo stato dal paese dell’Estremo Oriente. Secondo la stima interna dell’agenzia, oltre il 90 per cento dei suoi casi di spionaggio economico elaborati negli ultimi sette anni implicano in qualche modo la Cina. Inoltre, più di due terzi dei suoi casi segreti commerciali in generale sono associati anche a Pechino.

Leggi anche:  4G: scandalo utenze, i clienti Tim, Wind, Tre e Vodafone sono spiati

Il Dipartimento di Giustizia degli USA ha ricordato la promessa del governo cinese nel 2015 di smetterla con attività simili e di competere con le economie di altri paesi come parte di una parità di condizioni. Il modello di spionaggio sponsorizzato dallo stato osservato negli ultimi tre anni suggerisce che Pechino ha fatto ben poco per mantenere questa promessa, con AG Rosenstein che descrive questo stato di cose come “inaccettabile”. L’agenzia ha anche messo in evidenza la politica di Pechino “Made in China 2025”. Essa è mirata alla crescita economica. C’è una chiara tabella di marcia delle industrie che il paese intende raggiungere in modo da fornire alle società nazionali un vantaggio competitivo. Ciò rubando idee protette da altri mercati. In effetti, molti segmenti delineati nel suddetto piano sono presi di mira dagli hacker cinesi, ha affermato il DOJ.

Una minaccia costante

AG Rosenstein, con il direttore dell’FBI e altri alti funzionari governativi, ha avvertito la Cina che il governo americano sa cosa sta facendo in termini di spionaggio economico. Talvolta può persino identificare individui specifici assunti per commettere azioni illegali. Nessuna di queste informazioni sarà dimenticata, ha avvertito il funzionario. L’amministrazione comunista cinese deve ancora rispondere alle accuse, ma è improbabile che cambi la sua retorica sulla questione. Si prevede che, ancora una volta, neghi il coinvolgimento in tali campagne di hacking guidate economicamente e defluisca con le sue accuse.

Il 2018 in crescita

La tempistica dell’annuncio della denuncia è significativa in quanto segnala un’ulteriore escalation diplomatica tra Washington e Pechino. In seguito a una piena espansione che durò per diversi mesi, ha prodotto enormi dazi su beni di decine di miliardi di dollari. Inoltre si è temporaneamente concluso con una tregua di 90 giorni concordata ad un vertice del G20 di fine novembre in Argentina. Le autorità canadesi hanno arrestato il CFO. Lo hanno fatto su richiesta del Dipartimento di Giustizia, con i procuratori di Washington.