IPTV: quello che è successo dopo il servizio de Le Iene ha dell'incredibile

Sky, DAZN e Netflix sono le piattaforme televisive più appetibili sul mercato italiano. I tre servizi, come tutti sanno, prevedono un pagamento mensile da parte degli utenti. Spesso i costi (sopratutto per Sky) sono tutt’altro che economici.

Per risparmiare qualcosa sempre più persone scelgono la strada dell’IPTV illegale. Con questo sistema gli amanti di calcio, sport, cinema e serie tv possono avere a loro disposizione un grande calderone con tutti i canali di Sky in aggiunta ai contenuti streaming di DAZN e Netflix. Il costo medio è di circa 10 euro al mese.

 

IPTV, cosa si rischia con i pacchetti low cost per Sky, DAZN e Netflix

L’IPTV illegale ha avuto un risalto tale da far pensare che molti ancora non abbiano compreso i rischi del sistema. L’IPTV è fonte di multe e sanzioni da parte degli organi di polizia: il valore delle contravvenzioni può raggiungere la soglia dei 10mila euro. Peggiore è lo scenario per chi trasmette segnale criptato nelle case degli italiani: il reato, in questa circostanza, è penale e punibile anche con il carcere.

Leggi anche:  IPTV: come dissero Le Iene arrivano le multe per gli utenti, ecco cosa si rischia

E’ inutile dire come, dopo le segnalazioni anche de “Le Iene”, l’attenzione delle autorità sia diventata massima. Oggi l’uso dell’IPTV – anche se giustificato dai costi da ribasso – è sconsigliato più che mai.