rete 4g a rischio attacco hacker

Cosa pensereste se il protocollo di sicurezza della rete 4G fosse vulnerabile? Voi, come gran parte della popolazione mondiale, potreste sentirvi sotto scacco, in perenne stato di allerta, indifesi. Purtroppo è quello che è successo veramente: alcuni ricercatori in USA hanno scoperto delle falle di sicurezza nel protocollo 4G LTE, vulnerabilità a disposizione degli hacker.

Attraverso queste falle, qualunque malintenzionato potrebbe fingersi un altro utente, rubare i suoi dati personali e il suo denaro sui conti correnti, commettere reati a suo nome senza essere scoperti. Parlando di comportamenti criminosi a vostro danno, un esempio potrebbe essere rappresentato dallo stalking. Dei messaggi intimidatori apparentemente inviati dal vostro numero di telefono alle vittime vi metterebbe nei guai di sicuro con la Polizia Postale.

La privacy di qualsiasi utente è a rischio, soprattutto se si è soliti inviare informazioni particolarmente personali attraverso gli sms o le chat. Ma c’è un aspetto ancora più preoccupante, che potrebbe davvero coprire di ridicolo le indagini delle forze dell’ordine. Con queste falle nel 4G, si potrebbe cambiare la cella di collegamento dello smartphone, risultando anche moltissimi chilometri distante dalla posizione reale. Un’indagine investigativa senza l’ausilio della posizione di un individuo in un determinato momento della giornata diverrebbe vana.

Leggi anche:  Tariffe internet illimitato: Tim, Vodafone, Wind 3 e Iliad potranno lanciarle a breve

 

4G: Tim, Wind, Tre e Vodafone potrebbero non fare nulla

Il gruppo di ricercatori che ha scoperto le falle si è servito di uno strumento chiamato LTEInspector, simulando attacchi basandosi sulle vulnerabilità trovate. Dopo i test, sono giunti alla conclusione che tali falle permettono di violare la privacy degli utenti.

Secondo i ricercatori, inoltre, sarebbe davvero molto difficili da correggere, quindi è probabile che, almeno per il momento, non verrà preso nessun provvedimento da parte degli operatori come Tim, Wind 3, Vodafone o Iliad. Ci vorrà del tempo, parecchio, per modificare nel profondo il protocollo 4g e aggiustare tutto.

Questa falla mostra ancora una volta come, nonostante l’evoluzione della tecnologia, si è sempre vulnerabili agli attacchi dei malintenzionati. Sembra quasi che il progresso tecnologico e le vulnerabilità vadano di pari passo.