Xiaomi ha recentemente introdotto due smartphone in India: Redmi Note 5 e Redmi Note 5 Pro; assieme a questi due interessanti dispositivi, il produttore ha presentato anche una variante di Mi TV 4 da 55 pollici, ad un prezzo estremamente competitivo.

Ora, sembra che l’amministratore delegato di Xiaomi India e il vicepresidente di Xiaomi Global, Manu Kumar Jain, abbiano confermato dopo l’evento che Xiaomi non prevede di aumentare i prezzi dei suoi smartphone, nonostante i margini di guadagnato siano piuttosto bassi.

Alcune voci hanno infatti sostenuto che Xiaomi potrebbe aumentare i prezzi dei suoi smartphone in India a causa dell’aumento dei dazi sulle importazioni di componenti: ma ciò non accadrà, come confermato ufficialmente dall’azienda.

Manu Kumar Jain ha affermato chiaramente che la società continuerà a vendere smartphone a basso prezzo e che l’aumento dei dazi sull’importazione della componentistica hardware non influirà sui prezzi. In tal senso, la cinese sta lavorando a una strategia che possa compensare il tutto.

Leggi anche:  Xiaomi Mi A2 in versione Red arriva in India, arriverà anche da noi?

Ricordiamo infatti che il governo indiano applica una tassa per l’importazione per componenti, in quanto vuole promuovere l’iniziativa “Make in India” – ovverosia una serie di incentivi per le aziende che producono i loro prodotti nel paese.

Recentemente, Xiaomi è riuscita a superare Samsung, diventando il primo OEM in India relativamente al settore smartphone; ciò detto, la coreana nega di essere stata superata del brand cinese, e afferma di essere ancora in testa alla classifica.