Succede davvero molto spesso, ormai. A chi di voi, mentre sta navigando online, non capita di vedersi aprire una pagina internet con un video che viene riprodotto in automatico? Oppure la voce di un individuo sconosciuto che vuole insegnarci a fare trading online? Fastidioso, vero? Google sta lavorando perchè tutto ciò finisca, e questa funzionalità dovrebbe essere disponibile da inizio 2018.

A quanto pare, infatti, Google eliminerà la riproduzione automatica di audio e video con il prossimo aggiornamento di Chrome. Con la versione 64, che arriverà a Gennaio, la funzionalità sperimentale di Google per disabilitare l’autoplay di annunci e di video sarà reale.

Con Chrome 64 saremo noi a scegliere quali ads riprodurre

A partire da Chrome 64, l’autoplay sarà consentito quando i media non riproducono l’audio, oppure l’utente ha indicato un interesse nei media in questione. Le nuove norme di Google consentiranno la riproduzione automatica solo se saranno soddisfatte determinate condizioni:

  • Il contenuto è silenziato o non include alcun audio (solo video);
  • L’utente ha selezionato o cliccato da qualche parte sul sito durante la sessione di navigazione;
  • Se il sito è stato aggiunto alla schermata iniziale da parte dell’utente, nella versione mobile;
  • Se l’utente ha spesso riprodotto contenuti multimediali dal sito in questione, in base all’Indice di Engagement Media, nella versione desktop.
Leggi anche:  Google Pixel 2 XL, eccolo in questi rendering inediti: prezzi altissimi

Inoltre da Chrome 63, disponibile da Ottobre, sarà possibile disattivare completamente l’audio per siti specifici. Queste modifiche consentiranno agli utenti un maggiore controllo sulla navigazione nel proprio browser, rendendo più semplice per i publisher implementare l’autoplay nei siti web nei quali è vantaggioso per l’utente.

Siete soddisfatti delle modifiche che Google ha deciso di attuare al suo motore di ricerca? Avreste desiderato ulteriori modifiche? Fatecelo sapere!