Ci risiamo. WhatsApp è tornata a cadere nelle ultime ore, lasciando milioni e milioni di utenti orfani del principale vettore per la comunicazione online. La chat di messaggistica istantanea, che ora fa parte del bacino di Facebook, nella scorsa serata è stata praticamente inaccessibile per tutti i suoi utenti sia su iPhone sia sui dispositivi Android.

Come nelle precedenti occasioni, anche in questo caso, WhatsApp non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali per spiegare l’improvviso crash del servizio. Non è quindi dato sapere se il problema è nato da un malfunzionamento dei server o se questo è stato originato da danni ben maggiori.

Il crollo di WhatsApp ha messo sotto scacco come detto un’intera comunità che non ha perso tempo a manifestare il suo disappunto. Su Facebook e soprattutto su Twitter è partito un tran tran feroce di post per evidenziare la mancanza dell’app. Sul social del canarino azzurro, sulla falsariga di episodi del genere, è esploso con numeri record l’hashtag #WhatsAppDown. L’ironia in questi casi l’ha fatta da padrone, anche se non sono mancati contenuti dai toni molto forti postati da utenti molto nervosi.

Leggi anche:  WhatsApp, ecco come evitare di essere aggiunti nei gruppi

Durante la notte italiana dopo due circa tre ore di guasto, WhatsApp ha messo in sesto il servizio ed attualmente la maggior parte degli utenti non rileva più i problemi che nella scorsa sera hanno portato tutti noi indietro nel tempo, quando la comunicazione tramite chat era soltanto una chimera.