MicroVast
MicroVast: la nuova piattaforma robotica naviga all’interno dei vasi sanguigni.

Inventata capsula robotica che naviga all’interno dell’apparato circolatorio, distruggendo totalmente le placche aterosclerotiche nei vasi sanguigni. Si chiama MicroVast e rappresenta una vera e propria innovazione per le malattie cardiovascolari.

Nato dalla collaborazione dell’Istituto di Biorobotica della Scuola Sant’Anna di Pisa e dal Cnr, il progetto MicroVast (Microsystems for vascular diagnostics and intervention) fonda le sue basi nel campo della robotica medica. Navigando all’interno del flusso sanguigno, la capsula tecnologica ha l’obiettivo di attaccare e distruggere completamente le placche aterosclerotiche, formatesi nel sangue.

Si tratta di una sonda vascolare a locomozione magnetica che ha la capacità di navigare, liberando particelle che attaccano la placca. Il responsabile del sistema MicroVast rivela che ciò è possibile soltanto grazie agli ultrasuoni focalizzati e all’ancoraggio magnetico. Infatti, con quest’ultimo si può recuperare l’eventuale formazione di frammenti.

MicroVast
MicroVast: la piattaforma robotica che naviga all’interno dei vasi sanguigni, distruggendo le placche.

La capsula robotica contiene alcune particelle che hanno il ruolo di ripulire totalmente il sangue, attaccando ed eliminando le placche aterosclerotiche. Ciò può accadere attraverso un sistema che funge come una calamita. La stessa che attira a sé ogni frammento, ripulendo i vasi sanguigni di ogni possibile traccia.

Al momento MicroVast è in fase sperimentale ed uno dei prossimi obiettivi potrebbe essere il rilascio di farmaci antinfiammatori all’interno dell’apparato circolatorio. Ovvero la capsula robotica, una volta in navigazione, avrà il compito di curare i vasi sanguigni, rendendoli elastici e resistenti per le successive simili minacce.