caro carburante

L’Unione Europea sosterrà le famiglie e le imprese più colpite dall’impennata dei prezzi del gas e si impegna anche a diversificare le fonti energetiche

Martedì 15 marzo i ministri delle finanze dell’Unione europea hanno concordato di sovvenzionare i prezzi del carburante per uso domestico e offrire sostegno alle aziende colpite dall’aumento dei prezzi dell’energia a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, ha affermato il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire.

“Questa guerra in Ucraina sta portando a un forte aumento del prezzo delle materie prime, in particolare del gas e del cibo. Ciò richiede una risposta economica coordinata da parte degli Stati europei“, ha detto Le Maire in una conferenza stampa dopo aver presieduto i colloqui tra i ministri dell’UE.

Le Maire, il cui paese detiene la presidenza semestrale a rotazione dell’UE a 27 nazioni, ha affermato che la strategia congiunta si basa sulle proposte della Commissione europea per allentare i limiti agli aiuti di Stato dell’UE per aiutare a far fronte all’emergenza Ucraina.
“La strategia si basa su tre aspetti chiave. In primo luogo, il sostegno a tutte le famiglie colpite dal forte aumento dei prezzi dei carburanti. Questo che abbiamo fatto in Francia e molti altri paesi europei hanno fatto lo stesso, o stanno pensando di farlo”, ha affermato Le Maire.

Sarebbe una specie di sconto sui prezzi alla pompa. Molte, molte persone non hanno altra scelta che andare al lavoro in auto. Il sostegno alle famiglie che riteniamo necessario“, ha affermato.

L’inflazione alimentata dalla guerra si aggiunge alla crisi del costo della vita in Europa
La seconda misura di sostegno è stata quella di aiutare le società più colpite dall’impennata dei prezzi del gas. Gli aiuti arriverebbero sotto forma di prestiti garantiti dal governo o di sovvenzioni per aziende che consumano molta energia.

La terza misura consisteva nel diversificare le fonti di energia per diventare indipendenti dalla Russia, che è il più grande fornitore di energia del blocco, fornendo il 45% del suo gas, più di un quarto del suo petrolio e metà del suo carbone.

Obiettivo indipendenza energetica entro pochi anni

“Dobbiamo costruire la nostra indipendenza energetica il prima possibile. Dobbiamo accelerare gli investimenti, dobbiamo diversificare le fonti di energia, dobbiamo diversificare le fonti di approvvigionamento, dobbiamo accumulare scorte“, ha affermato Le Maire.

Il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis ha affermato che i paesi dell’UE potrebbero finanziare tali investimenti grazie al fondo di recupero dell’UE che è rimasto non sfruttato.

“Ci sono ancora 200 miliardi di euro disponibili in prestiti che gli Stati membri possono richiedere fino ad agosto 2023 per finanziare maggiori investimenti e riforme“, ha detto Dombrovskis in conferenza stampa.

“Si tratta di una quantità enorme che può essere utilizzata per rispondere ad alcune sfide derivanti dal conflitto, ad esempio per accelerare lo sviluppo delle energie rinnovabili“.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it