aumenti benzina e gas

Martedì i prezzi del gas e della benzina in Europa sono aumentati di oltre il 30%, poiché le forniture che di solito arrivano dalla Siberia hanno continuato a fluire verso est per il 15esimo giorno consecutivo.

Il Cremlino ha ripetutamente negato di aver utilizzato le vaste risorse di gas della Russia, dopo che il gas proveniente dal gasdotto Yamal-Europa ha invertito la direzione tre giorni prima di Natale.

I dati del punto di misurazione di Mallnow al confine tedesco-polacco martedì hanno mostrato che il flusso di gas verso est è aumentato, con volumi che hanno raggiunto quasi 9,9 milioni di kilowattora (kWh/h), rispetto ai 5,8 milioni precedenti.

Il presidente russo, Vladimir Putin, ha dichiarato il mese scorso che la Germania stava rivendendo il gas russo a Polonia e Ucraina piuttosto che alleviare la pressione sui prezzi, incolpando gli importatori di gas tedeschi per l’inversione dei flussi e l’impennata dei prezzi. Il governo tedesco ha rifiutato di commentare le osservazioni di Putin.

Il contratto di riferimento del gas del mese anteriore olandese è aumentato del 32% a € 95,20 a megawattora (MWh) entro metà pomeriggio di martedì, con il contratto del giorno prima in rialzo di 29 euro, cioè quasi a € 95,50 MWh.

L’Europa al centro della bufera

L’Europa è stata al centro di una crisi energetica partire dallo scorso anno, quando l’abolizione delle restrizioni legate al Covid-19 ha imposto enormi richieste alle scorte di gas naturale esaurite.

I prezzi di riferimento sono più che quintuplicati da gennaio 2021, schiacciando consumatori e aziende e minacciando la ripresa economica della regione.

Le aspettative per un clima più freddo in Europa stavano contribuendo alla pressione al rialzo sui prezzi, ma i bassi flussi di gas russo sono stati il ​​principale motore, ha affermato un commerciante.

Separatamente, il cartello Opec+ delle nazioni produttrici di petrolio ha deciso di portare avanti i piani per aumentare la produzione, segnalando il loro ottimismo sul fatto che la variante Omicron del Covid-19 avrà solo un impatto a breve termine sulla crescita globale.

L’alleanza di 23 membri, guidata dall’Arabia Saudita membro dell’Opec e dalla Russia non membro, si è attenuta a un piano per un modesto aumento della produzione di 400.000 barili al giorno a febbraio.

L’aumento fa parte di un graduale allentamento dei tagli alla produzione di 10 milioni di barili al giorno effettuati nel 2020 poiché i viaggi e i trasporti hanno subito un drastico rallentamento.

Aumenti anche per la benzina

La benzina è aumentata del 50% dallo scorso anno quando l’economia globale ha iniziato a riprendersi e ha registrato una corsa in salita nei primi giorni del 2022, scambiando il 2% in rialzo e superando gli 80 dollari a barile martedì.

Gli Stati Uniti avevano esortato l’Opec e i suoi alleati, guidati dalla Russia, ad aumentare la produzione per aiutare a tenere sotto controllo i prezzi al fine di non smorzare la nascente domanda di carburante e rallentare tale ripresa.

Mentre le nazioni produttrici di petrolio hanno optato per un aumento più lento di quanto richiesto dagli Stati Uniti, qualsiasi aumento del volume di greggio che pompano indica la fiducia che Omicron non stia causando un crollo della domanda di carburante.

In un rapporto tecnico, l’Opec ha affermato che la variante sarebbe “lieve e di breve durata” ed è ottimista sulle prospettive economiche.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it