IPTV: 70enne con una rete di 1800 utenti, beccati dalla Guardia di Finanza e denunciati

Lo streaming IPTV sarà protagonista anche nei giorni di Natale. Nonostante l’imminente pausa del campionato italiano, tante persone proprio in questi giorni stanno attivando alcuni pacchetti per lo streaming illegale dei contenuti a pagamento di DAZN, Sky ed Amazon Prime Video.

 

IPTV, nuovi rischi e sanzioni per i trasgressori

La tendenza dello streaming illegale in Italia è oramai consolidata. Gli appassionati di calcio scelgono di affidarsi a questa tecnologia, in nome di costi mensili da vero e proprio ribasso. I risparmi che garantisce la visione di un pacchetto IPTV devono però essere confrontati con quelli che sono i possibili rischi, tra sanzioni e truffe.

Anche nelle ultime settimane, le forze dell’ordine hanno condotto una serie di operazioni volte a smantellare le reti IPTV in Italia. Per i trasgressori è stata quindi predisposta una multa sino a 30mila euro, o anche, per i casi recidivi, la reclusione sino a tre anni.

Coloro che scelgono l’IPTV devono fare anche molta attenzione alle numerose truffe della rete. Per mezzo delle chat di Telegram o di WhatsApp, tanti cybercriminali sponsorizzano pacchetti di streaming illegale. Dopo aver ricevuto i pagamenti, costoro non elargiscono alcun servizio alle vittime.

Gli italiani che si affidano all’IPTV senza un abbonamento regolare per Sky o DAZN scelgono anche il metodo dei canali VPN. Di per sé, la tecnologia è legale e rappresenta uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.