dazn-canale-e-app-eliminati-su-sky-da-oggi

Brutta sorpresa per tutti gli abbonati Sky amanti del calcio. Da oggi, 1 luglio 2021, infatti perdono DAZN non solo come applicazione su Sky Q, ma anche come canale satellitare DAZN1. Una notizia che sta lasciando attoniti tutti i clienti che spendono cifre importanti per aggiudicarsi un pacchetto sport con i fiocchi. Si prevedono rivolte e forse anche un esodo verso DAZN.

 

DAZN addio: il canale e l’app oscurati da Sky

Possiamo tranquillamente dire che il mese di luglio appena iniziato non promette bene per i clienti Sky. Infatti da oggi DAZN, nelle vesti di app su Sky Q e DAZN1 sul canale 209, è stato cancellato dai servizi attivi di Sky.

Un duro colpo, precedentemente annunciato, per tutti i clienti del noto servizio pay-per-view. Tutto è arrivato agli orecchi dei clienti a seguito dell’annuncio in merito alle nuove formule di abbonamento e relativo nuovo listino di DAZN.

Ovviamente tutto nasce dall’acquisizione di DAZN dei diritti TV della Serie A. Il nuovo canone mensile, da oggi, passerà a 29,99 euro al mese. Ad ogni modo è attiva una promozione, disponibile da oggi fino al 28 luglio, che sconta di 10 euro il costo dell’abbonamento per 14 mesi portandolo a 19,99 euro al mese.

 

Benvenuto digitale terrestre

Sembra che proprio in virtù di tutto questo, DAZN stia puntando al digitale terrestre per trasmettere le partite della Serie A. Molto probabilmente memore della clausola di garantire un servizio impeccabile per una piena e ininterrotta visione di tutti gli eventi sportivi in programma.

In questo modo DAZN potrebbe raggiungere anche tutti gli utenti che, per vari motivi, non sono serviti dalla Fibra. Si tratta quindi di buone notizie, ma non per tutti. Sono infatti esclusi i clienti Sky che dovranno sottoscrivere un ulteriore abbonamento per poter assistere alle partite della Serie A in esclusiva su quello che era nato come servizio streaming a pagamento.

Tanti cambiamenti per DAZN: dalla campagna pubblicitaria, passando dal costo dell’abbonamento fino ad arrivare alla modifica orari.

FONTEEveryeye.it