GTA VI, GTA 6, Grand Theft Auto, Rockstar Games, Project Americas

Le indiscrezioni riguardanti GTA 6 (o Grand Theft Auto 6 se si preferisce) non sono molte. L’atteso nuovo capitolo della saga di Rockstar Games potrebbe rivoluzionare il franchise e introdurre un nuovo modo di giocare.

Gli utenti attendono con ansia il debutto di GTA 6 ma gli sviluppatori non hanno rilasciato alcune informazione in merito. A fornire nuovi dettagli ci pensano i leaker che hanno contatti diretti con dipendenti o presunti tali.

Il gioco è conosciuto con il nome in codice Project Americas e potrebbe essere ambientanto nel 1970. La location dovrebbe vedere il gradito ritorno di Vice City, con una parte della storia ambientata a Liberty City. Considerando le tempistiche e le location, il protagonista sarà un uomo legato al Cartello con la droga come principale business.

Tuttavia, in seguito ad un Tweet di Tom Henderson, sono sorti parecchi dubbi. Il noto leaker ha affermato senza mezzi termini che l’80% delle indiscrezioni trapelate fino ad ora su GTA 6 sono “smoke and mirrors“. La metafora indica che le informazioni sono false e non veritiere.

GTA 6 è ancora avvolto dal mistero

Il motivo di tante informazioni false è legato al fatto che tutti sono ansiosi di scoprire maggiori dettagli su GTA 6. Per questo motivo, si arriva a creare false fughe di notizie, inventandosi particolari inesistenti.

Rockstar Games preferisce mantenere il segreto e sviluppare il gioco seguendo le proprie tempistiche. Inoltre, la software house volutamente non rilascia dettagli con lo scopo di presentare direttamente il gioco quando sarà pronto.

Inoltre, non si può dimenticare un particolare estremamente importante. GTA V è ancora un gioco molto attuale e soprattutto estremamente remunerativo per l’azienda. Il titolo deve ancora debuttare ufficialmente su PlayStation 5 e Xbox Series X/Series S. In particolare, GTA Online registra mensilmente tantissimi utenti e questa situazione rende difficile l’arrivo di GTA 6. Sarebbe anti-economico per Rockstar Games bloccare un progetto che macina ancora record dopo 13 anni e 3 generazioni di console dal debutto.