blank

L’esopianeta di massa 11 di Giove chiamato HD106906 b occupa un’orbita improbabile attorno ad una stella doppia a 336 anni luce di distanza e potrebbe offrire indizi su qualcosa che potrebbe essere molto più vicino a casa: un ipotetico membro distante del nostro Sistema Solare soprannominato “Pianeta Nove.”

Un enorme pianeta simile a Giove che orbita molto lontano dalle sue stelle ospiti e dal disco di detriti visibile

Questa è la prima volta che gli astronomi sono stati in grado di misurare il movimento di un enorme pianeta simile a Giove che orbita molto lontano dalle sue stelle ospiti e dal disco di detriti visibile. L’esopianeta HD106906 b è stato scoperto nel 2013 con i telescopi Magellan presso l’osservatorio Las Campanas nel deserto di Atacama in Cile. Tuttavia, gli astronomi non sapevano nulla dell’orbita del pianeta.

Ciò richiedeva qualcosa che solo il telescopio spaziale Hubble poteva fare: raccogliere misurazioni molto accurate del movimento del vagabondo in 14 anni con straordinaria precisione. L’esopianeta risiede estremamente lontano dalla sua coppia di stelle giovani e luminose, più di 730 volte la distanza della Terra dal Sole. Questa ampia separazione ha reso enormemente difficile determinare l’orbita di 15.000 anni in un arco di tempo così breve delle osservazioni di Hubble.

Il pianeta si sta muovendo molto lentamente lungo la sua orbita, data la debole attrazione gravitazionale delle sue stelle madri molto distanti. Il team di Hubble dietro questo nuovo risultato, è stato sorpreso di scoprire che il mondo remoto ha un’orbita estrema che è molto inclinata, allungata ed esterna a un disco di detriti polveroso che circonda le stelle ospiti gemelle dell’esopianeta.

Il disco di detriti stesso è davvero straordinario, forse a causa del rimorchiatore gravitazionale del pianeta canaglia. Questo studio è stato condotto da Meiji Nguyen dell’Università della California, Berkeley.

“Per evidenziare perché questo è strano, possiamo semplicemente guardare il nostro Sistema Solare e vedere che tutti i pianeti giacciono all’incirca sullo stesso piano”, ha spiegato Nguyen. “Sarebbe bizzarro se, diciamo, Giove fosse inclinato di 30 gradi rispetto al piano in cui orbita ogni altro pianeta. Questo solleva ogni sorta di domande su come HD 106906 b sia finito così lontano su un’orbita così inclinata.”