truffa diamantiLa truffa bancaria dei diamanti ha coinvolto diverse personalità nel losco giro intercettato dagli inquirenti alla luce di nuove constatazioni. Tutto è partito un anno fa con una serie di servizi andati in onda in Radio e TV fino a giungere nel mondo Internet. Da allora gli investigatori hanno letteralmente tirato le somme scardinando il malaffare che ha portato a nuovi arresti e sentenze. Oggi la Procura di Milano ha aperto un nuovo fascicolo registrando una straordinaria vittoria contro i furbetti. Ecco cosa è stato scoperto.

 

Truffa dei diamanti: ecco le novità

Personaggi illustri come Vasco Rossi, Federica Panicucci e Simona Tagli sono rientrati nel novero del presunto affare del secolo insieme ad altri migliaia di risparmiatori. Tutti truffati da una ingiustificata quotazione al rialzo delle pietre preziose. Spinti dalla fiducia verso le società DPI ed IDB i clienti hanno investito per poi perdere un intero patrimonio.

Maurizio Sacchi, titolare della Dpi e Maurizio Faroni e Maurizio Zancarano di Banca Aletti sono finiti sotto inchiesta e costretti a dichiarare fallimento dopo la scoperta di un guadagno illecito di circa 700 milioni di euro. Cifre veramente importanti che fanno da contorno ad una indagine che ha mosso 72 nuove vertenze.

La frode dei diamanti ha richiesto interventi speciali con l’iscrizione al registro degli indagati per 7 persone e 7 enti tra cui  2 società e 5 istituti di credito. Sono stati scoperti oltre 165 milioni di euro per Dpi, poco più di 149 milioni per Idb, quasi 84 milioni per Banco Bpm, 32,67 milioni per Unicredit, 35,5 milioni per banca Mps e circa 11 milioni per Intesa San Paolo.

Gli esperti proseguono nelle indagini in attesa di palesare un rimborso a favore delle parti lese. Vi terremo informati in merito alla vicenda.