trucco spia WhatsappWhatsapp non si può classificare come un vero e proprio campione di sicurezza. Gli store ufficiali ed i siti alternativi propongono soluzioni ad hoc per lo spionaggio delle chat e dei gruppi di discussione. Esistono sistemi all’avanguardia ma oggi vi spieghiamo come spiare Whatsapp gratuitamente ed in maniera sicura. C’è un trucco che garantisce l’accesso a ogni tipo di conversazione. Possiamo usarlo in questo modo.

 

Whatsapp: il sistema per entrare nei telefoni dei contatti

Temi che dietro tutte quelle ore passate al telefono dal partner si possa nascondere un tradimento? Attraverso questa guida possiamo raccogliere importanti indizi ma tutto assume una forma ben definita con un trucco Whatsapp che garantisce la piena visibilità delle chat. Per portare a termine il nostro scopo ci serviremo addirittura di una funzione disponibile ufficialmente all’interno dell’applicazione. Stiamo parlando di Whatsapp Web, la nuova frontiera dello spionaggio mobile.

Il 21 gennaio 2015 è stata pubblicata la versione desktop per l’app di messaggistica ora governata da Facebook. Tale piattaforma garantisce un mirroring delle nostre conversazioni su grande schermo tramite un PC o un notebook. Abbiamo la possibilità di connettere dispositivo mobile e computer gestendo i contatti da tastiera e mouse. Ciò ha lo svantaggio di minare la privacy in quanto il funzionamento di tale opzione implica solo una semplice scansione veloce del codice QR associato al profilo. Chiunque sia in grado di ottenere l’immagine può spiarci. Ha facoltà di visualizzare orario e stato della connessione oltre che testi, emoji, sticker e contenuti multimediali scambiati con i contatti. La funzione è retroattiva, nel senso che possiamo usarla per spiare ma potremmo essere spiati.

Leggi anche:  WhatsApp: nuovi aggiornamenti in arrivo, ecco le clamorose novità

Se temiamo di essere sotto osservazione possiamo scegliere di disattivare l’accesso attraverso l’apposita opzione chiamata Disconnetti da tutti i dispositivi presente in fondo alla sezione Web. In questo modo restiamo al sicuro, sebbene un utente esperto possa passare del tutto inosservato operando una modifica nella gestione delle notifiche tramite app del tipo Tasker e simili.