tesla-elon-musk-acquisita-da-fca-emissione-multe
Fiat Chrysler Automobiles (FCA) ha concluso un accordo con Tesla per inserire le auto della casa automobilistica di Silicon Valley come parte del suo team nell’Unione Europea. Si abbassa così la produzione media di FCA in vista delle rigide normative UE del 2021. Tesla produrrà “centinaia di milioni di euro “dalla vendita di questi crediti per le emissioni, secondo il Financial Times.

Lo schema assomiglia al modo in cui i crediti regolatori possono essere acquistati e venduti negli Stati Uniti. È stato un business costante (anche se relativamente piccolo) per Tesla per molti anni. La casa automobilistica elettrica ha guadagnato $ 103 milioni vendendo crediti di emissione nel 2018, $ 280 milioni nel 2017 e $ 215 milioni nel 2016, secondo un recente deposito finanziario.

Sembra che Tesla abbia fatto un ottimo accordo

FCA, che possiede marchi come Jeep e Dodge, ha annunciato a metà del 2018 che prevede di spendere 9 miliardi di euro (o poco più di $ 10 miliardi) entro il 2022 per aggiungere più auto elettriche e ibride alla propria formazione. Ma gli analisti hanno affermato che probabilmente non è abbastanza per evitare miliardi di euro di multe per il superamento dell’obiettivo dell’UE.

Leggi anche:  Hacker riescono a scovare vulnerabilità in Tesla e vincono una Model 3

Esso è di 95 grammi di CO2 per chilometro medio sull’intera “flotta” di una casa automobilistica. Nel 2018, la media di Fiat Chrysler era stimata in 123 grammi per chilometro.

Non solo le emissioni medie della auto di FCA sono tra le peggiori nel settore, la casa automobilistica è stata citata dal Dipartimento della Giustizia statunitense nel 2017. Questo per un presunto software che era utilizzato per ingannare nel pensare che le sue auto fossero conformi alle regole.

FCA ha liquidato le accuse per $ 800 milioni senza ammettere alcun illecito, ma ha anche recentemente richiamato quasi 1 milione di veicoli negli Stati Uniti per violazione degli standard di emissione.