TIM: la fatturazione ogni 30 giorni sta tornando, pronte le nuove offerte per tutti

TIM ha da sempre sviluppato strategia vincenti che gli hanno permesso di diventare senza troppi patemi d’animo il miglior gestore in territorio italiano. Come infatti testimoniano proprio i dati ufficiali, negli anni il noto gestore nostrano avrebbe raccolto il maggior numero di utenti sia mobili che fissi. 

Il merito è sicuramente stato delle tantissime promozioni che hanno portato tantissimi utenti ad abbandonare i loro gestori telefonici di fiducia. La concorrenza infatti non manca assolutamente, e giorno per giorno bisogna mettersi al lavoro per trovare nuove idee da proporre.

La situazione si avvia ulteriormente a cambiare con l’introduzione della fatturazione ogni 30 giorni, imposta ai provider dal Governo con l’ultimo decreto-legge.

TIM, arriva la fatturazione ogni 30 giorni: ecco come cambiano le promo

Come molti ormai ben sanno, la vecchia fatturazione ogni 28 giorni sta per essere dismessa proprio in favore dell’originaria fatturazione mensile. Proprio per via di questo cambiamento, al fine di non elargire rimborsi in denaro, i vari gestori concederanno delle promo speciali.

Leggi anche:  Passa a TIM: grandi notizie con Giga Gratis in 4G per ogni utente

Infatti saranno varate nuove offerte sia per mobile che per linea fissa, le quali impersoneranno una sorta di rimborso per gli utenti. Saranno infatti ridotti i prezzi, ma i giga e minuti concessi saranno sempre uguali.

Si tratterà dunque di una sorta di festa dedita all’accoglienza delle vecchia fatture ogni 30 giorni che ritornano. Ovviamente il periodo sarà limitato, per cui gli utenti che vorranno usufruire di quest’opportunità dovranno affrettarsi.

Non c’è però alcuna fretta almeno per adesso: bisognerà infatti attendere un periodo massimo di 120 giorni. Proprio tale intervallo di tempo è stato concesso dal Governo a tutti i gestori e aziende per riportare la fatturazione mensile.

Tutti coloro che non lo faranno in 120 giorni, incorreranno in aspre sanzioni. Gli utenti dunque, almeno per questa volta sono stati favoriti dallo Stato, il quale si è sentito in dovere di correre in aiuto di chi si lamentava da ormai 3 anni.