google-glass

Il Museo Egizio di Torino, in collaborazione con l’istituto Politecnico, è  al centro, in prima mondiale,  del nuovo progetto denominato GoogleGlass4Lis”.

A partire dal 2015, anno di riapertura del museo, sarà fornita a tutti i visitatori non udenti una maggiore interazione con il Museo attraverso i celeberrimi Google Glass.

Questi, infatti, miglioreranno l’esperienza degli utenti tramite un avatar che illustrerà la storia ed i reperti situati nelle sale attraverso una traduzione simultanea in LIS (Lingua dei Segni Italiana).
Il progetto ATLAS (Automatic Traslation into Sign Language), ossia il ponte tecnologico che unisce le scienze cognitive ai più avanzati sistemi informatici, nasce e si sviluppa all’interno del Politecnico di Torino con l’obiettivo di abbattere le barriere della comunicazione.
Vediamo quindi come i Google Glass siano veramente in grado di rivoluzionare l’esperienza giornaliera dell’utente.
Applausi per il Politecnico di Torino e per la regione Piemonte che hanno creduto in un progetto importante  che, se pur distaccato dal mondo android, non può non essere motivo di vanto per la nostra nazione.

Vi lascio quindi al video di presentazione ufficiale che trovate a questo link.

 

Articolo precedenteGalleria e Foto: Perché il Nexus 5 ha due modi per gestire le immagini?
Articolo successivoSony Xperia Z1S avvistato sul sito ufficiale, potrebbe essere questa la versione internazionale del Xperia Z1 mini?
Antonino Russo
Tecnologia, games, sport, buon cibo e birra sono, da ormai 2 decadi, le mia passioni. Entrato nel mondo Android grazie l'eterno LG Optimus One, dopo più di 2 anni ho deciso di acquistare il mio attuale Nexus 4, fidato compagno di modding. Studio Ingegneria Elettronica al Politecnico di Torino e, nel tempo libero che non ho, scrivo per il blog, divoro libri o fumetti, guardo serie TV e dormo, poco.