nex7

È da qualche tempo che è arrivato sul mercato italiano e noi lo abbiamo ricevuto solo da poco quindi non ci siamo affannati a effettuarne la recensione.

Parliamo del nuovo Nexus 7 il tablet Google Experience, il secondo per la precisione, nato dalla collaborazione con Asus. Ovviamente si tratta di un tablet da sette pollici con la versione Android 4.3 stock che più stock non si può. Leggero, maneggevole, ridotta la larghezza rispetto al predecessore per una migliore presa del tablet. Ottimo il materiale della cover posteriore che assicura un grande grip e una sensazione al tatto molto piacevole.

Sono disponibili tre versioni quella da 16GB e da 32GB solo wi-fi e quella da 32GB LTE oltre che wi-fi. Oggetto della nostra prova è la versione da 32GB solo wi-fi, vediamone l’unboxing.

Unboxing.

La confezione è minimale con all’interno il tablet, il cavo USB/microUSB e l’alimentatore. La confezione è interamente in carta/cartone anche questa molto essenziale tranne che per la parte esterna che è colorata a differenza del primo Nexus 7 che aveva una confezione nera.

[alpine-phototile-for-picasa-and-google-plus src=”user_album” uid=”110848107923548095330″ ualb=”5937145786782729057″ imgl=”fancybox” style=”gallery” row=”4″ grwidth=”800″ grheight=”600″ size=”320″ num=”9″ align=”center” max=”100″]

Estetica.

Molto sottile e leggero, i bordi sui lati corti sono molto alti a causa della presenza della fotocamera anteriore da 1,2 MP sulla parte superiore del tablet e del led delle notifiche nella parte inferiore, il resto della cornice, invece, è molto sottile. Sul bordo destro sono presenti il tasto di accensione/sblocco e il bilanciere del volume. Su quello sinistro il bordo è pulito, nella parte inferiore troviamo la presa microUSB e su quello superiore l’ingresso per il jack da 3,5 mm.

Nella parte posteriore è collocata la fotocamera da 5 MP e i due speaker che fanno ottimamente il loro lavoro, l’audio è veramente eccellente. Poi troviamo anche la scritta Nexus disposta in lunghezza lungo il lato più lungo e quella Asus parallela al lato più corto appena sopra lo speaker inferiore.

Il display è un IPS, 7 pollici a LED WUXGA retroilluminato, FullHD 1920×1200, 323 ppi multi-touch a 10 dita. Ottima la luminosità anche sotto la luce del sole, il display è uno dei miglioramenti che il Nexus 7 ha ottenuto rispetto al modello precedente con un miglioramento nei contrasti, nella luminosità  e nella vivacità dei colori. Fondamentale, nella valutazione di un tale prodotto, la qualità del display oltre quella di dimensioni e peso che sono di 114 x 200 x 8,65 e 290 grammi rispettivamente.

Hardware.

Anche l’hardware è migliorato rispetto al modello 2012 con un processore Qualcomm Snapdragon S4 Pro 8064 Quad-Core con clock a 1.5 GHz, 2GB di RAM e processore grafico Adreno 320. Tutto il pacchetto hardware fa si che non vi siano mai impuntamenti, anche con molte applicazioni aperte, la fluidità e la velocità sono decisamente migliorati e questo è dovuto anche al comparto software che con Android 4.3 ha trovato un perfetto connubio.

Altra novità rispetto al Nexus 2012 è la presenza della fotocamera anteriore e posteriore, i 5MP della fotocamera posteriore non sono tanti e tali da consentire scatti eccelsi ma sempre meglio che niente, i colori sono poco reali e tendono quasi ad essere sbiaditi. Potete vedere la prova realizzata con la fotocamera, con scatti e video in FullHD, qui sotto:

[alpine-phototile-for-picasa-and-google-plus src=”user_album” uid=”110848107923548095330″ ualb=”5937907185565025377″ imgl=”fancybox” style=”gallery” row=”4″ grwidth=”800″ grheight=”600″ size=”320″ num=”13″ align=”center” max=”100″]

Le regolazioni e le impostazioni sono raggiungibili dopo aver tappato su un tasto posto al di sopra del pulsante dello scatto e tre icone compaiono al centro del display, le icone sono piccole e poco visibili alla luce del sole.

Software.

Il software è il meglio che c’è ora nel mercato Android con Jelly Bean 4.3 e la versione è quella stock con la vera Google Experience che ai pochi esperti potrebbe risultare strana e spoglia di applicazioni anche se Google è arrivata ad avere un parco applicazioni ufficiali non da poco e tutte perfettamente sincronizzabili con i nostri diversi dispositivi e anche pc nel caso di Chrome o Keep per fare un esempio.

Ho trovato poco reattiva la tastiera che deve essere ancora migliorata e aumentate le funzioni, mancano i numeri in prima funzione e il layout è poco accattivante.

Il GPS fa bene il suo lavoro una volta che si riesce ad agganciare il satellite, cosa che non avviene istantaneamente. Il lettore video e quello audio non hanno difficoltà alcuna a leggere tutti i tipi di formati, coadiuvati dai due speaker stereo rendono la visione e l’ascolto di un video o di un brano tra le migliori che si possano ottenere con un dispositivo mobile.

Connettività.

Come detto all’inizio esistono due versioni quella solo wifi e quella wifi + dati con modulo LTE. La versione wifi è dotata di connettività WLAN 802.11 a/b/g/n a due canali 2.4GHz/5GHz, Bluetooth 4.0, NFC. Per la versione con LTE si ha: DC-HSPA+ UL:42 Mbps/DL:5.76 Mbps, LTE UL:100 Mbps/DL:50 Mbps, 3G WCDMA:
850/1900/2100, 2G: 850/900/1800/1900, 4G LTE: 700/800/850/1700/1800/1900/2100/2600. GPS, NFC, giroscopio, accelerometro, sensore di luminosità e di prossimità (solo LTE).

Conclusioni.

La nostra prova si è svolta con calma e quindi abbiamo avuto modo di testare per diversi giorni il nuovo Nexus 7 che ha portato diverse novità rispetto alla precedente versione tra le quali annoveriamo hardware, display, ergonomia. Il nuovo processore e il doppio della quantità di RAM a disposizione insieme alla qualità costruttiva (che un po’ mancava nel modello 2012) e al display FullHD ne fanno un ottimo acquisto se consideriamo anche il prezzo molto competitivo, la versione che abbiamo provato cioè la 32GB solo wifi ha un prezzo di 269€ sul Play Store e molto probabilmente in rete la potrete trovare anche a meno. La batteria ha una durata in linea con quanto affermato da Asus nella scheda tecnica del prodotto quindi intorno le 10 ore, non tantissimo dato che se lo si utilizza in modo intenso la durata scende e quindi non si copre una giornata.

Una cosa che non ho trovato all’altezza del Nexus 7 è la tastiera che è poco reattiva e non ha i numeri in prima funzione, complicata per chi è alle prime armi.

Un problema riscontrato sia nel modello wifi che in quello LTE è l’abbassamento drastico del segnale, che diventa assente a pochi metri dal modem, se si tiene la mano sul bordo sinistro della cornice, sul lato corto. Cosa che capita spesso in particolare quando si gioca, ma anche se si naviga e si ha l’abitudine di tenere il dispositivo in orizzontale o se si guarda un video in streaming potreste interrompere la visione per assenza di segnale.

In conclusione il nuovo Nexus 7 ha un rapporto qualità prezzo che non ha eguali, grazie al Play Store il dispositivo è altamente personalizzabile, la fluidità e la velocità di Android 4.3, gli aggiornamenti che arrivano direttamente da Google e la grande ergonomia del dispositivo fanno del nuovo Nexus 7 un tablet che non bisogna lasciarsi scappare se siete intenzionati all’acquisto di un tablet da 7 pollici o un tablet in generale.