dvb-t2

Dopo aver capito come si possono sintonizzare i canali MPEG-4 a partire da ottobre del 2021, ossia quando incomincerà ufficialmente lo switch off di DVB-T2, di seguito analizzare il calendario del processo di re-framing, il quale andrà verso la partenza il prossimo 15 novembre 2021 e sembra che il tutto avverrà a scaglioni. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

 

DVB-T2: ecco quando ci sarà il re-framing in base alla regione

Nel dettaglio, il calendario ufficiale del re-framing, come stabilito nel decreto che ha disposto il rinvio dello switch off al DVB-T2:

  • Dal 15 Novembre 2021 al 18 Dicembre 2021: Area 1A – Sardegna
  • Dal 3 Gennaio 2022 al 15 Marzo 2022: Area 2 – Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano; Area 3 – Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza
  • Dal 1 Marzo 2022 al 15 Maggio 2022: Area 4 – Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata; Abruzzo, Molise, Marche
  • Dal 1 Maggio 2022 al 30 Giugno 2022: Area 1B – Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania.

Durante questo periodo di tempo, come detto anche dal Ministero dello Sviluppo Economico, sarà quindi effettuata la riassegnazione della banda 700. Inoltre, il MiSE ci tiene a sottolineare che questa banda sarà messa a disposizione agli operatori di telefonia mobile al fine di sviluppare nella miglior maniera possibile la tecnologia 5G, con la redistribuzione successiva delle frequenze tra le varie emittenti radiotelevisive, le quali, al termine di tutta la procedura, andranno a trasmettere nello spazio frequenziale sub 700.

È importante tenere a mente che, sempre per quanto riguarda lo switch off al DVB-T2, è importante godere anche del Bonus TV da ben 100 euro.