Elon Musk: un tweet su Dogecoin è bastato per far crescere la criptovaluta del 340%

Lo sappiamo. Questo articolo non è abbastanza credibile con un’immagine del genere, ma soprattutto vi starete chiedendo il perché di una scelta simile. Prima che ci prendiate per folli, vi spieghiamo subito di cosa si tratta. L’argomento centrale è Dogecoin, la criptovaluta nata nel 2013 e rappresentata da un vero e proprio meme. Ebbene, Elon Musk è riuscito a farla crescere notevolmente. Scopriamo insieme cosa ha fatto l’imprenditore nell’ultima settimana per permettere una crescita tale.

Elon Musk: Dogecoin da record, +583% in 7 giorni

A seguito dell’Ipo lanciata sul Nasdaq dall’exchange Coinbase, le quotazioni delle prime crypto per market cap, da Bitcoin ad Ethereum, sono salite in un batter d’occhio. Anche il Dogecoin però non è da meno, e il merito va ad Elon Musk. Il tycoon nell’ultima settimana ha scritto una serie di tweet al Doge come: “Doge Barking at the Moon”. Questi hanno  determinato una folle salita, e sapete perché? Semplicemente perché gli investitori seguono alla lettera ogni gesto e parola di Musk. E così il Doge vola a 0,41 dollari segnando un +583% in una sola settimana, e portando quindi la market cap oltre i 50 miliardi di dollari.

Ciononostante, c’è chi si rifiuta di credere nella validità del Dogecoin e afferma: “Il rialzo del Dogecoin è il più classico esempio di una folle teoria messa in pratica. Le persone stanno acquistando la criptovaluta non perchè credono abbia valore, ma perché sperano che altri investitori si aggiungano e spingano in su il prezzo, per poi poter scappare velocemente con il bottino”. Questo è quanto detto dall’analista di Freetrade David Kimberley.