blank

Samsung ha annunciato la chiusura dei suoi servizi di realtà virtuale lo scorso anno, lasciando i suoi occhiali AR senza supporto. Secondo alcuni video trapelati in Rete, Samsung potrebbe non aver abbandonato il settore della realtà aumentata e virtuale, mostrando due concetti di occhiali per la realtà aumentata. Si chiamano Samsung Glasses Lite e Samsung AR Glasses e sono due dispositivi con cui puoi consultare contenuti, giocare, partecipare a riunioni virtuali olografiche e altri scenari simili.

Occhiali concept di Samsung

I video provengono dal leaker WalkingCat. In entrambi i casi si tratta di video promozionali ed eventualmente concettuali, che evidenziano i possibili scenari in cui potrebbero essere utilizzati questi occhiali per la realtà aumentata di Samsung.

Il primo video mostra i Samsung Glasses Lite, occhiali per realtà aumentata pensati per essere indossati “in giro per casa”. Il nome Lite sembra indicare che avrebbero capacità inferiori rispetto ad altri occhiali simili. Ad esempio, non sembrano avere una fotocamera o sensori per catturare i movimenti: le interazioni avvengono attraverso altri dispositivi, come lo smartphone o lo smartwatch.

Il design sembra corrispondere a quello di questo brevetto Samsung, di un “dispositivo di visualizzazione portatile che consente all’utente di visualizzare uno schermo mentre lo indossa“.

Occhiali in vernice

Il secondo video mostra i Samsung AR Glasses. Non sono gli stessi occhiali del video precedente, ma sembra essere il modello più completo. In questo caso, gli occhiali si comportano più come gli Hololens di Microsoft, con i sensori necessari per riconoscere e interpretare gesti e movimenti delle mani. Senza dettagli sul suo funzionamento specifico, possiamo vederli in azione digitando su una tastiera virtuale, manipolando oggetti 3D olografici e in videochiamate 3D. 

Concetti sono e concetti rimangono, quindi sarà necessario vedere se finiranno per concretizzarsi o meno. Resta da vedere se Samsung oserà lanciarsi di nuovo nella realtà aumentata, soprattutto ora che le voci sugli occhiali Apple suonano sempre più forti.