hacker-sistema-sanitario-lotta-covid

In questi mesi già si era visto come molti hacker non abbia scrupoli tanto da mettere il bastone alle ruote ai ricercatori che stanno cercando di scoprire più informazioni possibile sul coronavirus. Sono state anche prese di mira le ricerche sui vaccini. Dopo tutto questo, a parlare è il Regno Unito che spiega che c’è stato un attacco sistematico al Sistema Sanitario Nazionale, il loro NHS.

A parlare è il capo dell’Agenzia di Sicurezza e Intelligence GCHQ del paese: “La realtà è che stiamo assistendo ad attacchi contro l’infrastruttura sanitaria. Sappiamo che, siano essi stati o criminali, inseguono cose che sono sensibili a noi al riguardo.”

Durante un’intervista al The Guardian viene anche suggerito che questi attacchi siano partiti dalla Cina, aspetto che si era già detto ai precedenti attacchi. Non viene menzionato direttamente il governo cinese, ma i sospetti ci sono.

 

Gli hacker con il Sistema Sanitario Nazionale

Gli attacchi da parte di questi agenti malevoli puntavano i dati sensibili che riguardavano il modo con cui il Regno Unito stava gestendo la risposta all’emergenza Covid. Stavano anche cercando le informazione relative allo sviluppo di un vaccino contro la malattia causata dal SARS-CoV-2 e contro il virus stesso.

Gli attacchi, apparentemente, hanno sfruttato semplici tecniche di phishing o l’uso di password semplice impostate da utenti distratti. Detto questo, la minaccia era serie tanto che sono stati mobilitati diversi esperti di sicurezza per proteggere i vari ospedali coinvolti nella ricerca, ma soprattutto i centri di ricerca. Di sicuro, si sta trattando di bassezze indicibili.