Il 5G è finalmente arrivato nelle nostre vite ed è in rapida espansione. Proprio in questo momento sono previste migliaia di installazioni per le nuove antenne al fine di consentire alle varie compagnie telefoniche di accedere a questa nuova rete e poter ottenere una connessione più veloce. Questo, per una serie di motivazioni, comporterà l’abbandono progressivo della rete 3G.

Come funzionerà l’abbandono del 3G è l’ingresso della rete 5G

Il piano previsto, è quello di spegnere durante quest’anno, man mano che il 5G prende piede, tutte le antenne che coprono invece la rete 3G. Per quale motivo? Molto semplicemente la copertura 3G, già dai tempi del 4G LTE, non è stata altro che è una copertura di riserva volta a soffrire il 4G nei momenti necessari. Ciò significa che con l’arrivo della rete 5G, continuare a tenere accese le antenne del 3G risulta solamente una spesa inutile è superflua. La rete 2G, invece, a differenza della sua successiva 3G, rimarrà attiva poiché importante per l’internet delle cose. Al posto della 3G, sarà la 4G LTE a fungere da supplente laddove in determinati momenti la rete 5G non fosse in grado di fornire copertura.

Un’altra valida ragione per spegnere le antenne del 3G, è la quantità di emissioni elettromagnetiche da esse prodotte. In Italia infatti è previsto un limite legale di quantità di emissioni trasmissibili in totale, e tenere accese tutte le reti implicherebbe superare di gran lunga questo valore. Serve quindi di fare dei tagli alle emissioni superflue, per fare spazio al 5G.