Nonostante le poche notizie sul Motorola Razr, non dovrebbero esserci cambiamenti sulla data di lancio prevista entro la fine di quest’anno.

Motorola Razr era previsto per l’estate 2019, ma l’azienda ha deciso di rimandare il debutto ufficiale sul mercato. Questo rende Motorola l’ultimo produttore ad unirsi al mercato di smartphone pieghevoli. Da quando l’azienda ha lanciato Razr nei primi anni 2000 e lo ha reso il telefono più popolare di sempre, ha provato a rilanciarlo più volte, ma senza riuscirci. Ad esempio la variante Droid Razr non ha funzionato.

Ora l’azienda ha deciso di puntare tutto su uno smartphone a conchiglia con display pieghevole. Quindi, un Razr rivisitato, sostanzialmente uguale ma in chiave moderna e al passo con i trend del momento nel settore tech. Sembra un approccio migliore rispetto a quello di Huawei Mate X o Samsung Galaxy Fold. Il dispositivo proposto da Motorola, infatti, sarà una sorta di smartphone di dimensioni medie che si trasforma in uno più grande, sarà questo il focus del display pieghevole. Potrebbe rivelarsi interessante questo ritorno dei telefoni a conchiglia.

Leggi anche:  Samsung sta già lavorando al nuovo Galaxy Fold 2

I display pieghevoli sono difficili da realizzare, Motorola si prepara a lanciare il nuovo Motorola Razr

Come abbiamo visto con Huawei e Samsung, i telefoni pieghevoli sono piuttosto difficili da realizzare in questo momento. La tecnologia è tutta nuova ed è un prodotto di prima generazione. Ciò significa che ci saranno problemi, inevitabilmente. Motorola tra l’altro è un’azienda piuttosto piccola, quindi deve fare più attenzioni di altre aziende che se falliscono hanno già i mezzi per rimettersi in sesto.

Ci sarà probabilmente un comunicato stampa o un video anteprima del nuovo dispositivo, non ci resta che aspettare. Anche CNT ha confermato l’arrivo di questo smartphone entro la fine del 2019. Soprattutto durante le festività natalizie, potrebbe esserci il tanto atteso annuncio del nuovo Razr, in quanto il Natale solitamente è un periodo ideale per l’acquisto di nuovi smartphone.