whatsapp-update-beta-android-iosSi scopre una nuova versione Whatsapp. Emerge dall’esame preliminare della build in test sulla versione Beta numero 2.19.106 che include novità interessanti ma anche qualche problema. I colleghi di WaBetaInfo hanno scoperto qualcosa di nuovo. C’è anche un limite inatteso all’utilizzo delle funzionalità. Scopriamo cosa c’è da sapere in merito a questa versione inedita delle chat.

 

Whatsapp 2.19.106: novità dell’aggiornamento

Il focus del nuovo aggiornamento Whatsapp si sposta ora in direzione della sicurezza e dell’interattività in chat con gli sticker. Si parla giust’appunto di un nuovo tab che scinde le componenti statiche dalle nuove proposte in formato dinamico. Eravamo in attesa di una funzionalità simile ormai da diverso tempo. Gli adesivi prendono vita grazie ad un sistema animato diverso dalle GIF per il fatto di funzionare a ciclo continuo. Le animazioni si ripeteranno ciclicamente conferendo alle chat un aspetto più coinvolgente.

Il problema nasce con la decisione di modificare i sistemi di sicurezza, ora disposti a favore del controllo biometrico degli accessi all’app. Chi vorrà visualizzare il contenuto delle chat e dei gruppi dovrà registrarsi ed autenticarsi ad ogni accesso. Questo è un bene ma si dovrà scendere a patti con un severo compromesso. Infatti, secondo quanto indicato dalle fonti, l’applicabilità di questi sistemi comporterà il divieto di fare screenshot alle chat, il che preclude totalmente anche la possibilità di condividere le schermate tramite app esterne.

Leggi anche:  Whatsapp: dal passato ritorna l'app che invia messaggi senza connessione

Le intenzioni di Facebook non sono ancora perfettamente chiare. Da qui al rilascio nel pubblico canale potremmo assistere ad un cambio di rotta a favore dell’usabilità. La limitazione, di per sé, ha poco senso. Speriamo che le cose cambino in direzione di maggiore libertà di azione.

Voi che cosa ne dite? Cosa vi aspettata dai prossimi update? Lasciateci i vostri commenti e impressionate i vostri amici con 3 trucchi che ancora non conoscono.