Recensione Huami Amazfit Verge

Per chi di voi avesse già sentito parlare di Amazfit Bip e Stratos, allora saprà che Huami è sinonimo di smartwatch e accessori dall’ottimo rapporto qualità/prezzo. Questa volta la nostra recensione verte sull’ultimo arrivato del produttore, ovvero Amazfit Verge che fa il suo ingresso nel mercato italiano in grande stile.

Descrizione

Amazfit Verge è uno smartwatch davvero interessante sotto ogni punto di vista, ed è un bel biglietto da visita per Huami in occasione del suo ingresso ufficiale nel mercato italiano. Parlando del device, vi diciamo prima di tutto che è un piacere portarlo al polso vista la sua leggerezza. I materiali poi sono molto piacevoli al tatto, soprattutto apprezziamo la morbidezza del cinturino, facile da sostituire e adatto ogni tipo di polso.

A livello di comandi troviamo sulla parte destra un simpatico bottone arancio che ci permette di riattivare il display touch o tornare alla home (diciamo che lo userete molto poco). In più, Verge è dotato di microfono e di altoparlante di sistema per gestire comodamente le chiamate vocali. Oltre ai 4 pin per la ricarica della batteria da 390 mAh, sul lato inferiore del device è presente la sensoristica per misurare il battito cardiaco. Amazfit Verge è poi adatto a qualsiasi condizione d’uso, essendo certificato IP68, e la funzione Always-on display è implementata per riattivare lo schermo con delle gesture naturali del polso.

Una particolarità che distingue Verge dagli Amazfit precedenti è il meraviglioso display con tecnologia AMOLED da 1,3” e una risoluzione di 360 pixel. All’interno invece batte una CPU Dual-core con 512 MB di RAM e ben 4 GB di storage interno dove archiviare la nostra playlist musicale. Completano le dotazioni una connessione wifi mono band, il bluetooth 4.2, le funzioni GPS e GLONASS, e l’utilissima tecnologia NFC (per ora ancora acerba).

Leggi anche:  Recensione Huawei P30: perfetto nel quotidiano ma niente effetto "WOW"

 

Funzioni e navigazione del menu

Per il lancio nel nostro paese, Huami ha fatto le cose per bene. Su Amazfit Verge, infatti, troviamo il software completamente in italiano. Se facciamo un tour interno a questo smartwatch, tramite uno swipe dall’alto, ci viene offerta subito una panoramica delle notifiche primarie. Dunque, potremo regolare luminosità, volume, Modalità Aereo e Non Disturbare e, infine, accedere a tutte le impostazioni del device.

Per tornare indietro nella navigazione, potete usare una swipe da sinistra verso destra, mentre uno swipe dal basso vi riporta alla schermata home. Se non vi piace il tema standard del display, Huami mette a disposizione diverse watch-face selezionabili con una pressione prolungata sul pannello.

L’ultimo swipe da destra verso sinistra vi rimanda al pannello di controllo del battito cardiaco, mentre un altro swipe ancora vi mostra tutte le funzioni di monitoraggio, la modalità telefono e le playlist musicali. 

Conclusioni

Insomma, Amazfit Verge è uno device Android da polso davvero completo. L’unico vero difetto è il non poter rispondere ai messaggi che ci arrivano, ma sono molti di più i pregi di uno smartwatch dall’ottimo rapporto qualità/prezzo. Ottima è infatti l’autonomia di Verge che vi porterà tranquillamente attraverso una settimana di utilizzo. Lo potete trovare a circa 120 euro sui siti cinesi, ma consigliamo sempre Amazon che offre gratis la spedizione Prime.

Huami Amazfit Verge

149,99 euro
8.1

Materiali e design

8.0/10

Funzioni menu

8.0/10

Hardware e software

8.0/10

Batteria

8.5/10

Prezzo

8.0/10

Pro

  • Autonomia ottima
  • Prezzo accattivante
  • Leggerezza ed ergonomia
  • Funzioni telefono
  • App su smartphone

Contro

  • Compatibilità NFC con Google Pay
  • Posizione microfono