La prossima, sarà sicuramente una una settimana ricca di novità: in occasione del Mobile World Congress di Barcellona, infatti, tutte le aziende più importanti – fatta eccezione per Apple – presenteranno le novità che interesseranno il settore della telefonia mobile. In particolare, tre sembrano essere le tendenze del futuro sulle quali le case produttrici hanno deciso di puntare: anzitutto, il supporto alle nuove reti 5G; in secondo luogo le fotocamere, sempre più performanti e numerose; ed infine, gli schermi pieghevoli.

Anzi, non sarebbe un azzardo sostenere che, in realtà, questo sarà l’anno dello smartphone pieghevole, ed alcuni tra i principali player del mercato, tra cui Samsung, Huawei e Xiaomi in primis, hanno già cominciato a compiere i primi (ma gradi) passi in questa direzione. Stando a quanto riportato da CNET, tra i diversi produttori che starebbero lavorando ad uno smartphone pieghevole rientrerebbe anche TCL, nota azienda cinese che oltre ad operare nel settore dei televisori, opera anche in quello degli smartphone tramite i marchi Alcatel e BlackBerry.

Lo smartphone pieghevole di TCL potrebbe trasformarsi in uno smartwatch

Come riportato da CNET, TCL starebbe lavorando ad almeno 5 dispositivi pieghevoli: due tablet e due smartphone, che sarebbero appunto capaci di ripiegarsi verso l’interno e verso l’esterno, ed uno smartphone più particolare, che si curverebbe al punto tale da trasformarsi in uno smartwatch, arrotolandosi dunque al polso di chi lo indossa.

Leggi anche:  Galaxy Fold, Samsung sta pensando al successore del device pieghevole

Quella in figura, è tuttavia solo una bozza di ciò che potrebbe essere lo smartphone pieghevole di TCL in grado di trasformarsi in uno smartwatch, pertanto non è detto che il dispositivo sarà effettivamente come quello mostrato. Inoltre, non è ancora chiaro quando i dispositivi pieghevoli dell’azienda arriveranno sul mercato. Il mese scorso, il dirigente della TCL ha infatti riferito che il primo dispositivo pieghevole sarebbe stato lanciato nel 2020. Eppure, dal momento in cui l’azienda starebbe lavorando contemporaneamente a cinque diversi dispositivi, non è ancora chiaro quale tra questi verrà lanciato per primo.